Feeds:
Posts
Comments

Archive for the ‘Osama bin Laden’ Category

This a famous speech from former President of the United States of America, George W. Bush, given September 20th, 2001. The phrase “war on terror” is here, three words that still are around twelve years later.

(more…)

Read Full Post »

Third debate for the 2012 presidential campaign and a strong comeback for Barack Obama. For the democrats was the last chance to block the uprising efforts of Mitt Romney and the current president showed for good what means to be in charge.

Romney has been caught off guard a couple of times and slipped on the recent Libyan crisis, giving quite a bad image of himself. Confused on facts and figures, the republican candidate now has to find a way to put new wind in its sails in order to regain confidence.

Obama played this debate like a game of chess but failed to win a larger consensus. He acts like a good commander in chief but still miss the choice to crush his adversary under the weight of Romney’s own errors. He still looks too cold, too much upper class to stand as a real leader.

Now the things are going to be rough. In the next few days the polls will say how much Obama has recovered and how many states are still disputed. More and more money will be used for television spots and political ads, both contenders will focus primarly on Ohio and Florida.

Once again, my virtual money is on Obama. Still waiting to know what he will do in the next four years.

Read Full Post »

The second TV debate between Joe Biden and Paul Ryan has been almost a draw. I’ve assigned the victory to Ryan for two reasons; first, his good reactions when Biden landed a couple of hard shots and for second, because he did understand when to remain silent. It’s never easy to be in full view, knowing that every word, every expression and every move will be debated and monitored by the press and the audience. Biden got far more experience in that kind of game and he used every bit of it to challenge Ryan, pushing hard on the economy and about the role of the USA in the world.

Biden got often over the voice of Ryan, forcing the impression of a mentor who correct an inexperienced youngster. That will work for the mature part of the audience, who are likely attracted by the VP figure, but can’t work for everybody. Ryan put up his “good guy face” and stand his ground, looking for an opportunity to strike back when it cames to the weakest spots for the democrats. That gives us a good match, maybe better than the first, with a better insight for important issues of this campaign.

Ryan has been more effective when it cames to economy, using his well known agenda for a lighter government and tax cuts. Nothing new, republicans used almost the same words since the ’80s, but the feeling I got from his speech is something more than a gut sensation. Paul Ryan is here to stay, no matter what happens in the 2012 campaign. If Romney wins he’s the natural for the 2020 campaign, if he loses he will try in 2016.  Of course Biden gives a different image, he’s on the sunset boulevard no matter who wins this year.

The polls will tell us what kind of impact this debate got over the consensus, my opinion is that there will be no significant shift.

My virtual money is still on Obama, for a victory with narrower margins. Wanna bet?

Read Full Post »

The first TV debate between Barack Obama and Mitt Romney has been quite interesting but a lot disappointing for democrats. Obama is not sized for this kind of political shows, we already know that from the past (remember the ’08 campaign against McCain?) but his global performance has been poor. Everybody knew about the main arguments of the evening. With Romney under stress fort the recent vote polls and the strong need to pull over his presidential campaign all he could do is attack, the harder the better. Obama and his campaign spin doctors got to know that as well.

So I wonder about the president’s attitude, about his apparent lack of preparation and his cautious way to approach the debate. With 50 millions of fellow citizens in front of their TV sets and a weak opponent for Obama yesterday there was the chance to crush the republicans for good. Romney has done well, giving a strong performance with an handful of arguments to be put in the field. After a long and bitter campaign for the republican nomination Mitt Romney now looks stronger than before, maybe readier than Obama to carry on this kind of confrontation.

A week from now we will have the second round, a good chance for Obama to recover the first defeat in this campaign. But a week could be a long time when a deluge of TV spots from the Romney’s side and a number of polls that will show some side effect of the first debate.  When it comes to TV debates the focus is on the candidates and not on the technical aspects of their proposals; Barack Obama already knows that and the (symbolic) slap on the face he get last evening will force him to do his best.

GM live, Osama dies”, this has to be the song for democrats next week. This presidency got strong points to show for the record and the tax question, eternal stand-out between republicans and democrats, is to be addressed against Romney, with the focus on his past as a capital-powered shark. Since 2008, starting with the fail of Lehman Brothers, the neo-libertarian theories has been proven wrong in the hardest way. Obama  got to show some spine about it and show for good his will to be the next president of the USA.

My virtual money is still on Obama, for a victory with narrow margins. Time will tell.

Read Full Post »

Non riesco a dimenticare. Sia dal punto di vista meramente personale che per tutto quello che è successo, durante e dopo. Sulle conseguenze avevo già scritto l’anno scorso (vedi qui), so benissimo che non bisognerebbe autocitarsi ma lo faccio lo stesso.  E’ un punto nodale, una svolta che non può essere ignorata e che finisce sui libri di storia al di là del suo significato strategico o culturale. Per tutti è esistito un prima e un dopo dell’undici settembre 2001.

Ricordo le Twin Towers per averle visitate, una brutta zona di grattacieli impersonali,nota ai più per la vista che si poteva goderne nelle belle giornate e per i tour in elicottero sopra Manhattan. Sembravano immense e nella loro concretezza, eterne. Ricordo la lobby di una delle torri, la batteria degli ascensori. Il transito continuo di persone anche in un giorno d’agosto. Mi sono sempre chiesto se ho incrociato in quei pochi minuti una o più delle persone che quel giorno non ce l’hanno fatta.

Read Full Post »

Per la destra americana, sia quella compresa nel partito repubblicano che per chi rimane fuori dal dualismo delle principali forze politiche statunitensi, Ronald Wilson Reagan rimane una figura di riferimento, una sorta di icona a cui ci si appiglia per trarne qualche briciola di carisma. Come tutte le figure storiche anche quella del 40esimo presidente va messa in prospettiva con gli anni dei suoi due mandati (1981-1989) e la sua esperienza politica vista nel complesso.

Questo tipo di analisi pare essere sfuggito di mano ai commentatori di destra e ai vertici del GOP (Great Old Party, i Repubblicani) che raccontano da anni una sorta di parabola del buon presidente che stride parecchio con la storia. Qui un link per riepilogare la vicenda umana e politica di Reagan.

Qualche giorno fa su Facebook il buon dottor Mana ha segnalato questo articolo, apparso sulle pagine in rete di Think Progress a firma di Alex Seitz-Wald. Ho pensato valga la pena di tradurlo, sia per evidenziare quanto la distanza dalla verità in politica non sia un’esclusiva italiana che per mettere in luce quanto da un modello falso si voglia arrivare a cose vere, come le idee alla base del progetto politico di Mitt Romney.

Suggerisco in ogni caso di leggere la versione originale, sia per annullare i deficit della mia traduzione (mi sono preso diverse libertà, in generale NON traduco in maniera letterale) che per farsi un idea di altri articoli sullo stesso sito che parlano della politica americana. Qui il link.

(more…)

Read Full Post »

John Weisman

KBL – Kill Bin Laden (2011)

Harper Collins (paperback edition)

pp. 364

ISBN 978-0-06-212787-7

Quarta di copertina.

Some truths are better told in fiction. A riveting novel drawn from actual events, KBL: Kill Bin Laden brings to life the drama behind SEAL Team 6’s stunning raid that brought about the long-awaited destruction of the 21st century’s most ruthless killer. From the political battlefields of Washington D.C., and the CIA headquarters in Langley, Virginia, to the dusty streets of peshawar, Lahore, and Abbottabad, Pakistan, John Weisman  brilliantly imagines what may well have transpired during the brethtaking hunt, discovery, and execution of Usama bin Laden.

Filled with unrelenting excitement and real-world intelligence tradecraft, KBL: Kill Bin Laden brings to riveting life the intrigue and suspense f the covert Spec Ops mission that rocket the world.

Recensione flash.

Un resoconto ipotetico a tinte forti della storia dell’operazione che ha portato all’eliminazione di Osama Bin Laden. Narrazione brillante, ricca di informazioni al limite dell’infodump ma con troppe ripetizioni. Per essere un istant book non è niente male.

Voto: 07,00 / 10,00.

Recensione.

Da anni in Afghanistan ci sono due guerre in corso. Di una delle due i media occidentali parlano ogni tanto, giusto per far rimbalzare la notizia degli ultimi attentati o dell’ultimo bombardamento NATO, della seconda si sa poco e raramente si affaccia alla superfice. E’ la guerra dei corpi speciali, degli attacchi mirati alla caccia di obiettivi rilevanti dovunque essi si trovino senza preoccuparsi di frontiere o trattati.

Il concetto chiave è rappresentato da uno dei tanti acronimi militari, HVT per High Value Target (bersaglio ad alto valore). Si applica ai vertici dei Taliban, agli operativi di Al-Quaeda, ai tanti capi banda che vengono ritenuti d’ostacolo agli interventi alleati nel teatro operativo AfPak (Afghanistan-Pakistan). Per colpire questi obiettivi gli americani schierano il meglio dei loro reparti speciali, il cosiddetto Tier One, al ritmo di centinaia di operazioni ogni anno.

Tutte queste operazioni si basano sull’intelligence ovviamente. Dalle reti CIA sul territorio alle immagini reperite da droni e satelliti per conto dell’NSA e dell’NRO, in minima parte per la collaborazione di altri servizi dei paesi NATO presenti nella missione ISAF. In questo contesto  l’obiettivo principale non poteva che essere Osama Bin Laden. La cronaca ci ha riportato la sua eliminazione il 2 maggio 2011 e questo si propone di ricostruire, in maniera romanzata, l’intera missione in tutte le sue fasi e vicissitudini. I nomi dei protagonisti sono stati alterati o inventati di sana pianta, il resto viene allegramente omesso (per fare un esempio il presidente degli Stati Uniti non viene mai chiamato per nome).

La narrazione acquista spessore per la ricchezza di dettagli tecnici e per la forte immagine di superiorità operativa in tutti i campi delle forze speciali  rispetto agli avversari e agli incerti alleati pakistani, l’altro elemento costante è la contrapposizione tra gli elementi politici, tutti dipinti a tinte fosche, e gli operativi portati come esempio di concretezza e attaccamento ai valori nazionali. E’ un quadro manicheo, a tratti anche caricaturale, che però va a battere su un sentimento anti governativo molto radicato in larga parte della destra americana.

Nel corso del romanzo emergono anche delle considerazioni di tipo geopolitico, un quadro dell’intero settore AfPak visto senza le lenti rosa dei media che dimostra chiaramente come man mano che ci si avvicina al ritiro delle truppe NATO dall’area si va verso un vero e proprio disastro dal punto di vista occidentale.  Quello che si suggerisce, non troppo tra le righe, è che gli americani divrebbero riservare all’ISI (il servizio segreto pakistano) lo stesso trattamento  che usano per i Taliban o Al-Quaeda.

Da tutto questo ne deriva una lettura consigliata a chi è appassionato del genere action/thriller, meno indicata per chi non si destreggia bene tra acronimi militari e concetti operativi.

Mi è giunta notizia, non confermata, dell’acquisizione di questo romanzo da parte di un editore italiano. Non posso comunque dare indicazioni su quando verrà tradotto.

Nota bene: è curioso notare come il Corriere della Sera abbia riportato pochi giorni fa nella sua versione online un dettaglio descritto nel libro, ovvero di come fosse stato utilizzato un plastico del compound dove si trovava Bin Laden per presentare l’operazione ai politici. Il link lo trovate qui.

Read Full Post »

Oggi due segnalazioni a tema zombie, le reputo interessanti per motivi diversi. La prima riguarda un film indipendente, Osombie, un horror con qualche velleità geopolitica. L’idea di base è che Osama Bin Laden sia diventato un non morto e che ritorni in Afghanistan per creare un’armata di zombie da scatenare contro i suoi nemici.

La seconda segnalazione si compone di due parti. Primo, esiste l’AICZ ovvero l’Associazione Italiana Cacciatori di Zombie. Qui il loro sito. Secondo, hanno organizzato per il 12 maggio di quest’anno il primo evento “tiro allo zombie”. Le iscrizioni sono già completate ma senz’altro, dato il gradimento della cosa, organizzeranno altri eventi come questo.

Read Full Post »

Il 2011 per molti è stata una pessima annata. Tra difficoltà lavorative, economia finita a strisce e legittimi timori per il futuro tracciare dei bilanci rischia di portare alla luce un quadro degno di Bosch, magari con in sottofondo una messa da requiem.

Eppure, non tutto è stato così brutto. Si sono viste cose in cui non avrei mai sperato e sono proseguiti cambiamenti che portano verso direzioni positive. Se si trova la forza, argomento per me difficile, per alzare la testa dal proprio quotidiano per guardarsi attorno qualche lampo di luce c’è. Siamo tutti inseriti in un contesto che ormai trascende anche la parola ‘globalizzazione’, dove tutto è interconnesso a un livello che può essere difficile razionalizzare.

L’ingresso dell’Estonia nell’eurozona e i crolli dei regimi del nord Africa (Tunisia, Egitto, Libia), il vento di riforma detto ‘primavera araba’ che sta spostando gli equilibri in tanti paesi (Marocco, Yemen, Arabia Saudita, emirati del golfo Persico) e che tuttora alimenta l’incendio siriano. La voglia di protagonismo della Turchia, l’incertezza libanese e la solitudine di Israele. Vicino a una Giordania impaurita si sta riaprendo di peso il cantiere iracheno, liberato dall’alibi della presenza americana e poco più in là l’enigma iraniano rischia di mettere in discussione l’equilibrio nucleare.

Il nucleare ha trovato la sua Waterloo a livello civile con il disastro giapponese. Dopo Fukushima, al di là delle circostanze eccezionali che si sono verificate, l’equilibrio del consenso mondiale ai reattori per l’uso civile si è spostato verso il ‘no’. Le conseguenze economiche e industriali potrebbero essere davvero interessanti con lo spostamento di investimenti verso tecnologie più sostenibili per il nostro futuro. Deriva da questa vicenda anche l’esito della campagna referendaria italiana, grande impulso di partecipazione e di risveglio civile che ha portato anche a dei risultati interessanti nelle elezioni amministrative.

Tutto cambia, anche l’esistenza di figure simbolo del terrorismo. La morte di Osama bin Laden è destinata ad essere ricordata a lungo e a dare luogo a leggende complottiste d’ogni sorta. Dal 2001 era diventato il simbolo di un mondo sommerso che in realtà non controllava e lascia in eredità un modus operandi che durerà a lungo. Il quaedismo contiene in sé molte contraddizioni, difficile immaginare un futuro coeso per la pletora di movimenti che si dicono collegati ad Al-quaeda.

Il passato diventa veramente tale quando ci si fa i conti, giusto? Forse è questo il pensiero ricorrente dietro l’arresto degli ultimi ricercati serbi per la secessione jugoslava, la separazione in due stati del Sudan, il trattato tra India e Bangladesh o la decisione dell’Unesco di ammettere la Palestina come membro effettivo. La decisione dell’ETA di chiudere, si spera davvero per sempre , la stagione infinita della lotta armata termina un capitolo della storia spagnola proprio nell’anno in cui le ultime decisioni del governo Zapatero scalzano i simboli superstiti del franchismo.

Per altri il passato deve tornare, forse ripetersi. Le vicende ungheresi mostrano chiaramente i limiti di una democrazia non sufficientemente matura, così come il persistere dell’instabilità in Ucraina o le difficoltà di espressione di libertà di pensiero in un arco vastissimo del pianeta che va dalla Russia alla Cina, dal Medio Oriente alla Birmania. Eppure si cominciano a vedere delle fessure, crepe anche dove non ci aspetterebbe. Le timidissime aperture del regime militare birmano, le manifestazioni di piazza post elettorali in Russia, il lentissimo cambio di atteggiamento cubano. Eppur si muove, direbbe Galileo.

Tutto si muove, persino in Italia. Caduto l’alibi Berlusconi si sono riaperti tutti i tavoli e mille topi si affannano a correre in tutti i cantoni di una nave che è stata davvero sul punto di affondare nei flutti della speculazione. Tra operazioni di dubbia riverginazione e migrazioni politiche dal sapore di transumanza il nostro paese sta affrontando una doccia di realismo che ricorda molto il 1992. È finita la seconda repubblica? Rivedremo inchieste come ‘Mani pulite’? Forse, così come forse vedremo emergere qualche brandello di verità sui patti tra Stato e crimine organizzato. Che dirvi, mi manca Giorgio Bocca; lui avrebbe saputo come inquadrare il tutto in poche cartelle.

Read Full Post »

James C. Copertino

Blue Water Operations (2011)

Autoproduzione, formato Epub

Euro 1,99 – disponibile qui

 

Quarta di copertina (da Ultimabooks)

Benvenuti a bordo della USS Carl Vinson, portaerei tecnologicamente avanzata che incrocia nell’oceano indiano, isolata dal resto della flotta. Benvenuti a bordo del Wichita, rimorchiatore d’altura che batte bandiera francese e che trasporta un carico che vale molto più delle tonnellate di petrolio che ha caricato in Iraq, nel porto di Al Faw. Benvenuti nel Puntland, regione autonoma della Somalia, in mano a uomini disposti a tutto pur di vincere una guerra civile che va avanti da un decennio, anche a sguinzagliare una ciurma di pirati capeggiata da un pericoloso terrorista. Benvenuti nello Yemen meridionale, terra contesa tra Al-Qaeda e signori della guerra, pronti a collaborare solo quando in gioco c’e’ la testa di un occidentale. Tra incursioni di terra, duelli aerei, bombardamenti chirurgici e guerre di spie, le pagine di questo romanzo di azione pura tracceranno la rotta fino a Osama Bin Laden, dietro le quinte dell’operazione più segreta di tutti i tempi.

Recensione flash.

Azione, spionaggio, alta tecnologia, trame segrete e ritmo elevatissimo; cosa chiedere di più a un romanzo? L’amico James C. Copertino ci porta in mare, in cielo e in terra per inseguire un’avventura narrata con il piglio deciso di chi sa come si svolgono le operazioni militari. Salite a bordo!

Voto: 07,50 / 10,00.

Recensione.

C’è una premessa da fare a proposito di questo romanzo, è da considerare come sia difficile scrivere rimanendo molto vicini alla cronaca recente senza scadere nella parafrasi degli articoli apparsi sulla stampa o peggio ancora senza adeguarsi al nulla televisivo. Blue Water Operations  è ambientato in tempi recentissimi e parte della trama fa riferimento a un evento (la caccia a Osama Bin Laden) talmente noto da poter essere definito planetario. Per scrivere un testo come questo bisogna essere aggiornati sui fattori geopolitici del Medio Oriente, sulla composizione del fronte dei movimenti collegabili ad Al-quaeda, sulle modalità di intervento delle forze armate nell’intero quadrante del Golfo Persico. Aggiungo che si vuole essere credibili del tutto bisogna essere in grado di padroneggiare il lato tecnico, altro terreno piuttosto scivoloso per tanti scrittori.

Tutto questo però non serve a nulla se non si è in grado di creare una trama avventurosa e di trascinarci dentro il lettore fin dalle prime pagine. È qui che si gioca la scommessa di un buon romanzo ed è su questo terreno che l’autore ci fa vedere di cosa è capace. Due i fattori principali, il primo è dato dal ritmo molto alto su cui viene sviluppata la narrazione, il secondo viene dal realismo dal momento che quasi tutto quello che accade è effettivamente realizzabile.

Il romanzo si lega a due lavori precedenti dello stesso autore, sto parlando de ‘I guerrieri dell’aria’ e ‘Angeli neri’, dal momento che ne riprende personaggi e in parte ambientazioni. Ritroviamo quindi il maggiore Rosco Duncan dei marines, il gruppo di volo della portaerei Carl Vinson (CVN-70, classe Nimitz) e l’agente della CIA Roberta Grup e soprattutto ritroviamo le atmosfere delle operazioni speciali e la tensione del quadro strategico del Medio Oriente, chiave di volta dello sviluppo geopolitico globale.

Qualcosa della trama si intuisce dalla presentazione / quarta di copertina e onestamente non voglio fare spoiler per non rovinarvi la lettura;  tuttavia si può dare qualche indicazione sulle tematiche di fondo della nrazzaizone. Siamo nel regno dei confronti asimmetrici, le guerre del nuovo millennio. L’apparente sproporzione tra i mezzi americani e i gruppi quaedisti viene bilanciata dalle difficili condizioni operative in nazioni come lo Yemen o in ‘failed state’ come la Somalia. Altro fattore a frenare gli sforzi di parte americana sono le continue lotte di potere tra apparati dello Stato: marina contro dipartimento di Stato, CIA contro forze armate, egoismi tra diversi corpi. Viene rappresentato un mondo ai limiti del sotterraneo, qualcosa di cui si coglie un pallido riflesso nelle notizie brevi della stampa internazionale.

Ho avuto la fortuna di poter leggere in anteprima questo romanzo e ho atteso che venisse commercializzato per poterlo recensire. Chiarisco che io e l’autore siamo amici, il che darà la stura alle solite chiacchiere su ‘gli amici degli amici’ e altre asinerie. Pensate quello che volete, io ho una faccia sola. 

Read Full Post »

Older Posts »

Follow

Get every new post delivered to your Inbox.

Join 446 other followers