Feeds:
Posts
Comments

Archive for the ‘Uncategorized’ Category

Note: this is a work of fiction, with all the usual stuff about copyright and permission. It’s also a work in progress and a way to develop my knowledge of the english language. So feel free to correct, debate, laugh, ask about it in the comments. Help appreciated.

You may find the prologue here.

Chapter 1 is here. Chapter 2 is here. Chapter 3 is here.

Chapter 4 is here. Chapter 5 is here.

(more…)

Read Full Post »

postbanale

March, 13th is the “trivial post day” (see image above), a time devoted to write and post about something trivial (of course!). This is a way to stigmatize how boring blogs could be and to raise an issue about the need for a more quality-oriented blogging.

Today is a rainy day here. It’s pretty boring and we’re approaching 85% of humidity. A week like that and I will mutate, developing gills. Rain all over again, for days to come if you listen to weather forecast programs on TV. They do not have a clue, of course. Tv people are nothing but nuts. I’m sure that will rain for my headache, I always have headaches when it’s raining.

It’s so dull when it rains like that. No thunders, no bolts, only water everywhere. Croak, croak! I swear I can see frogs across the street. My umbrella plainly refuses to dry, it’s too much damp around here. I have to check my own hands from time to time, looking for the first membranes to develop between fingers. In days like these, reverting to an amphibious form looks possible. There will be rain until Saturday. A toad told me that, they know this kind of things.

Read Full Post »

Questione di talento

Ognuno di noi fa tantissime cose nell’arco della sua vita, a volte in maniera decisamente efficace, con punte di eccellenza in questo o quel campo di azione.

Non è legato solo alla propria veste professionale, o alle proprie vesti dal momento che ci si trova a cambiare ambito e mansioni con una facilità crescente indotta dal precariato e da un mercato del lavoro a dir poco instabile. No, non voglio parlare di questo tipo di cose. Il punto è che per quanto si possa essere bravissimi a fare mille cose diverse, nessuna potrebbe essere espressione di un talento vero e proprio.

Dove si trova la differenza?

Cosa distingue il talento da un’ottima tecnica o da una predisposizione?

Quale può essere il discrimine tra il fare bene qualcosa e fare quello che ci permette di esprimere il nostro talento?

E ancora, come fare a capire che talenti possediamo?

Non ho risposte da guru o da scienziato da dare, sia chiaro. Questo è un tema su cui ragiono da decenni, senza aver trovato un metodo o una strategia per dare risposte chiare a queste domande. Volendo scherzare, si potrebbe anche dire che il mio talento è quello di perdere tempo dietro questioni filosofiche.

A costo di essere brusco, non mi interessa neppure sapere quali talenti possiedano i miei lettori, nè come siano arrivati ad esprimerli. Non è questione di menefreghismo, è che secondo me ognuno deve trovare le proprie risposte e/o il proprio percorso per arrivarci.

Ad oggi l’unica risposta che ho trovato è ascoltare. Quando facciamo qualcosa, ognuno le sue, è possibile che ne si traggano grandi soddisfazioni, oneri e onori. Ma il punto importante arriva quando sentiamo dentro una sorta di voce, un calore che ci fa capire che quella specifica azione, quel modo di vivere il particolare attimo, è davvero importante per noi. Credo sia lì la percezione interna del talento, il momento particolarissimo in cui ci si rende conto che si sta facendo la differenza per se stessi.

Se vi dovesse capitare questo tipo di sensazione, fermatevi. Ascoltate.

Read Full Post »

Gimp test – roots

 

Read Full Post »

Comunicazione di servizio: il blog chiude per le prossime tre settimane dato che me ne vado in ferie, l’unica attività che continuerò è quella sulla blogzine “il futuro è tornato” con il resto della gang.

Alla ripresa, saremo in agosto, riporterò il focus del blog su politica ed economia, con qualche escursione nella geopolitica a mò di ciliegina.

Read Full Post »

Dopo lo spavento e l’orrore del terremoto è bene ricordare il bello della propria terra, non perché sia memoria ma per tornare a fare risplendere un territorio ferito. Mi dispiace per chi non sa il nostro dialetto ma cose come questa non si traducono. 

Modna (l’è bèla seimper)

A peins che quand d’invéren

a cala la fumàna

s-a fóssa anch a l’inféren

a vrev sol éser chè…

L’è bèla féssa , ciunta

l’a-s tàia col curtèl

e po’ mitigh da zunta

ch’l è anch un quèl specièl.

Modna l’è bèla seimper,

mò quand l’a-s mátt in tir

cun al sô col ‘d fumàna

l’a-t tós fin al respir.

A-n gh’avam una muntagna

e gnanch un gázz ed mer,

dedlà da la fumana

a gh’avam al mànd intér.

Una fumàna bianca

l’è qualla ed la zitè,

la bagna apeina in tèra

cun un fer delichê.

Invece, a la Crusatta

l’è féssa come un mur

s’t-e gh pog’ la biciclatta

la sta drétta ed sicur.

Modna l’è bèla seimper

mò quand l’a-s matt in tir

cun al sô col ‘d fumàna

l’a-t tôs fin al respir.

Bèda, però, fumàna

a-n fer la birichèina,

quàcia tótt qual che t vô

mò brisa la Ghirlandèina.

( Luciano Zanasi )

Read Full Post »

Con oggi festeggio il primo anno di blogging su questa piattaforma. Grazie a tutti voi per la vostra attenzione e il vostro supporto, spero di poter migliorare in questo secondo anno di programmazione.

Gli anniversari e i compleanni sono sempre occasioni di riflessione, a volte anche per annunci su cosa verrà fatto nel prossimo futuro. In questo senso temo di non avere grandi novità da riferire, le linee di lavoro sono sempre quelle.

Alone“, il mio esperimento in lingua inglese, proseguirà per almeno altre tre puntate. In seguito verrà risistemato e utilizzato per sperimentare i vari formati di diffusione. Dall’esperienza vedrò di capire se vale o meno la pena di andare in quella direzione con la mia vis scrittoria.

Sui temi economici ho in mente una serie di piccole iniziative, tanto per dirne una quella di esaminare la composizione dei CdA dei principali istituti bancari e assicurativi dopo la catena di dimissioni e reincarichi attualmente in corso. E’ una geografia carsica che riserva sorprese, spesso pessime.

La politica ritornerà alla grande, sia italiana che non. In Maggio si insedierà Putin, ci sono le amministrative (un comune su otto circa ma stanno passando sotto silenzio), la corsa per le presidenziali americane entrerà nel vivo con la nomination repubblicana.

Mi interessa di più ragionare sul futuro, quello a portata di mano. Per vedere se davvero può partire dal basso come penso e finire con il travolgere la nostra classe dirigente. Alla faccia anche dell’antipolitica e di chi pensa si possa solo distruggere.

Read Full Post »

Avete mai sentito nominare l’UNODC? No, non è un vecchio modello FIAT per i democristiani, è qualcosa di un filino più serio. L’acronimo sta per United Nations Office on Drugs and Crime, ovvero la branca delle Nazioni Unite che si occupa dei traffici di droga e del crimine, con particolare attenzione al crimine organizzato e transnazionale.

L’idea di fondo è coordinare politiche di sviluppo, strumenti di controllo e prevenzione, metodologie e interventi per contrastare tutta la filiera di crimini legati sia alle droghe illegali che a tutti i traffici di persone e cose che avvengano in violazione degli accordi internazionali. Non si tratta di un compito banale, basterebbe pensare alle differenze normative esistenti e alle difficoltà di far cooperare tra loro soggetti che hanno gravi difficoltà diplomatiche.

Se poi si tiene presente che la sfera di azione globale delle varie mafie non risente di alcun limite che non sia dato dalla loro concorrenza interna si va a parlare di una corsa ad handicap che è proibitivo poter affrontare con la lentezza propria delle istituzioni internazionali. Eppure i risultati stanno arrivando e su una scala non disprezzabile. Migliorare le capacità operative delle polizie, integrare le basi dati, avviare programmi di collaborazione transnazionali ha permesso non solo di aggiungere efficacia alla repressione ma anche di fare scoperte notevoli su come sta viaggiando il denaro frutto del crimine organizzato.

Siamo molto distanti da una agenzia di law enforcement globale, cosa peraltro lontana dagli scopi di UNODC, la direzione di sviluppo è più quella di Europol, più legata al coordinamento e ad essere strumento dell’applicazione dei protocolli internazionali. UNODC dipende per il 90% dai finanziamenti dei singoli stati membri, il resto proviene da donazioni. Proprio il budget rimane il fattore più critico dal momento che l’ente dichiara di avere richieste di intervento ampiamente superiori alle proprie capacità di finanziarli.

Link italiano

http://www.onuitalia.it/component/content/article/34/177

Link pagina dei report annuali

http://www.unodc.org/unodc/en/about-unodc/annual-report.html

Report 2010 (l’ultimo disponibile, lingua inglese)

http://www.unodc.org/documents/frontpage/UNODC_Annual_Report_2010_LowRes.pdf

Read Full Post »

Ho appreso poco fa della dipartita di Jean Giraud, alias Moebius. Ovvero di uno dei grandi disegnatori della seconda metà del ventesimo secolo, caposcuola in Francia di quel movimento che si sarebbe concretizzato con la storica “Metal Hurlant”.

Qui il link dell’articolo de “La Repubblica”, edizione elettronica.

Vorrei ricordare tutte le sue storie, cercare di far capire quanto mi piacesse il suo tratto. Ma non ho parole adeguate.

Buon viaggio Maestro. Visto mai che dall’altra parte tu possa trovare personaggi così.

Read Full Post »

Read Full Post »

Older Posts »

Follow

Get every new post delivered to your Inbox.

Join 454 other followers