Feeds:
Posts
Comments

Posts Tagged ‘film di fantascienza’

A volte la sincronicità fa strani scherzi. Io guardo pochissimi film e dopo l’ottimo Moon mi capita un altro film a firma di Duncan Jones e se pensiamo che ha diretto a oggi solo due lungometraggi il fatto è sospetto. Siamo dalle parti della fantascienza, declinata nella versione più vicina a noi come asse temporale. Il fulcro di tutta la storia è che esiste ‘qualcosa’ chiamato appunto source code (codice sorgente) che permette di rivisitare un segmento di passato di otto minuti.

La parte simil tecnica è ridotta al minimo indispensabile, si fa cenno alla fisica quantistica in modo volutamente confuso. L’intero film si basa sulle performance degli attori principali con un Jake Gyllenhaal che pare aver raggiunto una maturità notevole (verrebbe anche da ricordare la recitazione di Sam Rockwell in Moon, a quanto pare per Jones gli attori protagonisti sono veramente al centro di tutto).

Si mette in luce anche un’attrice che non conoscevo, Michelle Monaghan, mentre la solida controparte del protagonista viene svolta da Vera Farmiga. Il forte del film sta qui, pochi attori veramente in parte e una regia che gioca bene sui tempi in cui si svolgono le varie azioni. La fotografia è discreta e la scelta di usare pochissimi ambienti favorisce il coinvolgimento dello spettatore (anche qui il parallelo con Moon pare inevitabile).

Peccato che la parte degli effetti speciali barcolli vistosamente, alcune sequenze sono veramente brutte, questo in alcuni momenti allontana il coinvolgimento nella storia che già è reso zoppicante dalle incosistenze logiche della trama. Come capita spesso con i film americani gli ultimi cinque minuti rischiano di guastare tutto. Come avrete già capito sto cercando disperatamente di non fare spoiler, se volete sapere quale sia la trama guardate qui.

La sceneggiatura è di Ben Ripley, lo stesso che ha firmato gli script di Species III e The Watch. Scrive bene, gestisce in maniera interessante i dialoghi ma come coerenza il plot lascia molto a desiderare. Ci sono diversi passaggi nella seconda parte del film che proprio non funzionano fino a rovinare l’impressione drammatica che era stata costruita con tanta fatica.

Tutto questo per dire che il film è godibile ma non bisogna avere grandi aspettative.

Voto: 06,00 / 10,00.

Read Full Post »

Il buon Gianluca Santini (guardate nel blogroll per trovare il suo sito) ha avuto l’idea di lanciare l’adozione dei film che ci sono più piaciuti per difenderne la memoria, prima che i burocrati di Hollywood decidano che si può spremere soldi da un remake.

Io ho scelto Terminator (1984), film che ho visto tra cinema e home video almeno undici volte e che ha segnato una fase importante dei film SF moderni. Vuole essere un omaggio anche a Stan Winston, geniale creatore di effetti speciali e di riprese a ‘passo uno’ di creature fantastiche. La computer graphic, ve lo dice un programmatore, è un’altra cosa.

Per adottare un film raggiungete il blog di Gianluca, c’è una sezione apposita per questa iniziativa.

Read Full Post »

Follow

Get every new post delivered to your Inbox.

Join 455 other followers