Esclusiva dalle stanze del potere

Il capo era depresso. Oltre le barzellette, al di là delle possibilità delle pillole  e del catalogo delle ragazze.

La scadenza elettorale lo aveva stremato, una vocina in fondo all’ippotalamo gli suggeriva “potresti perdere” e per di più c’era con lui il ministro dell’economia. Pessimo momento davvero.

– Ho tvovato come fave, possiam davvevo vispettave le scadenze con l’Euvopa. – Era sorridente, rilassato. Sembrava un enigmista dopo aver risolto un sudoku impossibile. – Quest’anno vendiamo la Vomagna a San Mavino!

La pressione arteriosa del presidente salì di dieci punti. Forse non aveva sentito bene.

-L’anno pvossimo tocca al Lazio che piazziamo al Vaticano e nel 2013 il colpo da maestvo, la Sicilia agli amevicani che la voglino dal 1943. Mettiamo a posto il bilancio dello Stato, ci libeviamo di un sacco di pvoblemi e ci gavantiamo la vielezione nel 2013. – Altro grande sorriso, gli brillavano anche gli occhiali. – Che ne dici?

Il presidente fece per replicare, aveva pronto una fila oscenità da far impallidire un portuale. Poi si bloccò. La Romagna era piena di rossi e di neo leghisti, la Polverini non la poteva vedere e con il Lazio al Vaticano poteva trasferire i ministeri dove gli pareva e dei siciliani non ne poteva più da un pezzo.

Ci doveva pensare…

 

2 thoughts on “Esclusiva dalle stanze del potere

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s