Cattive abitudini

Ci sto ricascando. Dopo aver bloccato 21 (ventuno) progetti per dedicarmi a uno solo, quel Goliath che trovate referenziato con una pagina per conto suo in questo blog, sto ripartendo con altre idee che non c’entrano nulla.

Tutto per non scrivere. Il che non sarebbe neppure un male, di schiribacchini ce n’è d’avanzo. Il problema arriva con le idee che spingono nel mio encefalo per uscire, tutte quante urlando ‘prima io!’.

Posso sempre dare la colpa agli altri, sostenere che è per la loro cattiva compagnia che mi allontano dalla retta via che porta a concludere i progetti. Per esempio è colpa di Davide Mana se sto considerando seriamente di proporre un ‘agile libretto’ per il Lemuria Social Club ed è parimenti colpa di Alessandro Girola, suo degno compare, se per il mini saggio in questione ho ripescato trenta file dai miei hard disk.

Che dire poi di Enzo Milano? Quel brutto mannaro che non è altro ha scatenato una rivoluzione del 1848 nel mio povero e indifeso cervello con la sua revisione delle Cinque giornate di Milano. Diavolerie su diavolerie, davvero. Andrebbero spiegate, descritte, disegnate? E chi lo fa, eh?

Il travaso delle responsabilità, sport davvero molto in voga in Italia, può proseguire senza problemi. Dal mio hard disk principale mi guarda in cagnesco la seconda parte delle avventure della Stone Cold Company e lo farà fino a quando non lo finirò. E qui la colpa tocca a Germano, a Gianluca Santini, Massimo Mazzoni e a tutti gli altri che hanno scritto spin off del Survival Blog. Massa di carogne che non siete altro.

Poi c’è una novel scritta al 60%, unica superstite di otto stroncate senza pietà. Un racconto fantasy che è il seguito di ‘Riti di passaggio’, arrivato al 40% della prima stesura. Di chi è la colpa? Uhm… aspettate un momento. L’11 settembre? I cinesi? La crisi economica? I nazisti in agguato sulla faccia nascosta della Luna?

Sappiate comunque che ci deve essere un complotto da qualche parte. Non ho capito ai danni di chi.

15 thoughts on “Cattive abitudini

    • Effettivamente di notte faccio altro. Vago per case abbandonate per fare il fantasma (cinque euro l’ora) per favorire il turismo spettrale, mi intrattengo con elementi della criminalità locale (faccio l’interprete, sempre cinque euro l’ora), inseguo i writers per riempirli di vernice (incarico dal Comune, sempre a cinque euro). Calibro? Qualcuno ha detto calibro? Io vado di 9×21, sempre un classico.

  1. Tra le scuse non hai citato l’invasione di cavallette… dai che alla fine del mio progetto dovrò sdebitarmi, quindi toccherà a me rinfrescarti uno dei così tanti progetti abbandonati.

  2. La colpa è sempre dei nazisti.
    Ma fra due giorni torna il Cap. e li aggiusta per bene!😀

    Forza e coraggio coi tuoi progetti… sono più o meno nella tua situazione e la voglia fisica di stare davanti alla tastiera sfiora lo zero😛

    • Crucchi malnati, fortuna che i maghi nazisti devono morire
      Il fatto è che più idee mi vengono peggio è. Paradossale ma vero. Comunque sia la colpa è anche tua. Il chiodo per l’RS/33 me lo hai messo tu.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s