Draw the line – la storia della Pansac

Perché interessarsi della Pansac? Cosa ha di diverso rispetto ai tanti fallimenti di questi anni? In realtà non c’è qualcosa che distingua questa azienda dalle altre o che la renda più interessante ai miei occhi.

Il fatto è che con la Pansac ho deciso di tirare una riga, fissare il limite ultimo di sopportazione.

Ogni volta che fallisce un’azienda ci si nasconde dietro la favoletta degli ammortizzatori sociali, si finge di non vedere per non pensare alla propria situazione lavorativa. In fondo è successo agli altri, no? Finché il mio posto di lavoro rimane sicuro va tutto bene, giusto?

No. Non va tutto bene. Non quando la coesione sociale va a rotoli, non quando si assiste a una serie infinita di guerre tra poveri. Si dice spesso che la crisi economica in corso è soprattutto finanziaria, non sono certo io a negarlo, ma la catena di anelli di reazione che porta dalla finanzia all’industria è fin troppo breve. Se le banche non concedono linee di credito le aziende non investono e non possono permettersi di assumere, se il sistema creditizio non fa da camera di compensazione tra realtà produttive e mercati le scadenze di fatturazione diventano problemi drammatici. Alla fine le conseguenze sono sempre le stesse. Persone licenziate, messe in mobilità, piazzate in cassa integrazione.

La cosa riguarda anche gli imprenditori, spesso strozzati da meccanismi al di là della loro portata. Quanti suicidi ci sono stati nelle zone ‘ricche’ del Nord Italia? Quanti imprenditori sono psicologicamente crollati di fronte alla prospettiva di veder svanire tutto quello per cui avevamo lavorato? Date le condizioni non ci sono più limiti né aree di salvataggio. E non si può più tacere.

Storia della Pansac.

La Pansac International (ex Nuova Pansac) lavora materie plastiche, ha stabilimenti a Mira (VE), Marghera (VE), Portogruaro (VE), Zingonio (BG), Ravenna; in più aveva uffici a Mantova e a Milano ora dismessi. La plastica viene lavorata in laminati per uso alimentare, sanitario, igienico e medico. Il pezzo forte è una pellicola per pannolini, oggetto di un brevetto internazionale.

A capo dell’azienda c’era Fabrizio Lori, figlio del fondatore dell’azienda (Dario Lori). La successione tra i due è causata dall’improvvisa morte di Dario. All’epoca la Nuova Pansac produceva materiali plastici di bassa tecnologia, come le pellicole per gli shopper. Bassa redditività, prodotti di fascia altrettanto bassa e concorrenza in aumento dall’estero i problemi principali dell’azienda. Fabrizio Lori capisce che è necessario diversificare i prodotti e investire sulla ricerca, due mosse che gli permettono di costruire un’azienda di successo.

Nel 2005 si era all’apice della gestione Lori. Grandi risultati economici, assunzioni, fatturato alle stelle, attenzione da parte dei media specializzati. A quel punto si poteva parlare di un gioiellino nel panorama industriale italiano. Nel frattempo il presidente aveva rilevato la squadra di calcio di Mantova, deciso a portarla alla massima serie.

Anno dopo anno, a partire dal 2006, le cose peggiorano. Gli investimenti sulla gestione della squadra di calcio si fanno sempre più massicci e i conti del gruppo sembrano risentirne. Fino alla crisi del 2009, dove viene messo allo scoperto il pessimo stato della società. Lori ha sempre negato di aver sottratto denaro dalle casse aziendali per sostenere il Mantova, allo stato non ho trovato prove dirette a sostegno dell’una o dell’altra tesi.

Dal 2009 le cose peggiorano sempre più. Richieste di mobilità, di cassa integrazione, vengono presentati piani industriali che rimarranno per la maggior parte disattesi nei fatti. Nel 2010 viene certificato un buco di gestione di 308 milioni di euro, cifra a lungo contestata dal Lori. La Alix Partner e lo studio Sartor negoziano un accordo con le banche e i principali creditori per rifinanziare il debito e far ripartire l’azienda.

In pratica viene creata una new company, Pansac International SRL, a cui vengono conferiti dipendenti, macchinari e brevetti nonché una dote finanziaria per sostenere l’attività. Alla Nuova Pansac, la bad company, rimangono il grosso dei debiti e il patrimonio immobiliare. De facto Lori viene estromesso dall’azienda.

Nel 2011 fallisce il Mantova e proseguono i guai dell’azienda. Si parla di chiusura di alcuni stabilimenti, di trasferimento della produzione in altri, di cassa integrazione e di mobilità. Le maestranze coinvolgono i sindacati, gli enti locali e i media per cercare di trovare delle soluzioni, il tutto in concerto con il governo centrale che deve approvare i piani industriali.

Ad oggi la situazione è molto confusa. Le notizie che ho trovato sui media locali fanno capire che a parole si vuole evitare il fallimento della Pansac International malgrado la rigidità delle banche nel non voler concedere nuovi finanziamenti. Il dubbio, molto forte per chi come me non si fida mai, è che si voglia pilotare il fallimento evitando il più possibile i paletti messi dalla Legge Marzano.

Cosa fa gola della Pansac? Due cose, fondamentali. I brevetti e la possibilità di poter far ripartire con un minimo investimento uno o due stabilimenti per riprendere la produzione. La possibilità concreta è che si presenti un ‘cavaliere bianco’ che si faccia scudo di 2-300 lavoratori ‘salvati’ dalla disoccupazione per acquisire una realtà industriale interessante per un tozzo di pane, magari con alle spalle le stesse banche che ora negano sostegno all’attuale dirigenza.

Spero di sbagliarmi. Di essere stato maligno. Ma ricordo il pensiero di Andreotti, che a pensare male si fa peccato ma si indovina…

Notize & fonti.

24.10.2005

A 36 anni Lori è presidente, AD e azionista unico della Nuova Pansac. In quattro anni ha triplicato i dipendenti,  raddoppiato il fatturato. Investe il 14% dei ricavi. Il 60% del fatturato va in export. (fonte Alessandra Carini, Affari&Finanza-La Repubblica, 24-10-2005)

Nel corso degli anni dal 2004 al 2008 Lori investe molto denaro nella gestione dell’AC Mantova, squadra di calcio che ha rilevato da una precedente gestione in condizioni semi fallimentari, ottenendo ottimi risultati sul piano sportivo  che non corrispondono però a bilanci in pareggio.

Negli stessi anni i risultati economici dell’azienda via via peggiorano.

07.12.2009

Lori annuncia un piano industriale che prevede tagli all’occupazione per quasi duecento unità. Annunciato per il 15 dicembre un incontro presso il ministero per lo sviluppo a Roma. (fonte cislveneto.it, rassegna stampa)

06.01.2010

La notizia che Lori ha pagato tre mesi di stipendio arretrato ai giocatori dell’AC Mantova provoca la reazione dei  dipendenti degli stabilimenti del gruppo che reclamano la mancata tredicesima e lo stipendio di dicembre 2009. Pare che il presidente si sia presentato a una riunione a Roma presso il ministero della sviluppo economico senza il promesso piano di riorganizzazione aziendale. (fonte corrieredeveneto.corriere.it, 06-01-2010)

13.01.2010

Annunciata manifestazione delle maestranze a Mantova. In 170 sono senza tredicesima e mensilità di dicembre. La situazione negli stabilimenti è ferma malgrado, pare, due offerte per lavorare in conto deposito fatte da due dei clienti dell’azienda. In seguito uno dei contratti in conto deposito verrà attivato. (fonte cislveneto.it, rassegna stampa)

19.01.2010

Arrivano alcuni degli stipendi promessi ai lavoratori e del materiale dalla dismissione di magazzini per far ripartire la produzione degli stabilimenti della Nuova Pansac. Ultimaltum dei sindacati alla proprietà per la presentazione di un piano industriale. Nel frattempo Lori pare tratti giocatori per il Mantova. (fonte archiviostoricocorriere.it, 19-01-2010)

17.02.2010

Il Lori annuncia di abbandonare le cariche operative della Nuova Pansac. Secondo le sue dichiarazioni l’aziende vale circa 400 milioni di euro, ha stabilimenti nuovi e fior di brevetti. Allo stesso tempo rifiuta l’idea di abbandonare l’AC Mantova. (fonte Gazzetta di Mantova, 17-02-2010)

13.05.2010

Viene annunciata la messa in mobilità di 501 lavoratori degli stabilimenti veneti della Nuova Pansac. Dopo un confronto molto duro e con la mediazione del ministero si arriva a misure di CIG per 475 persone (fonte mantovanotizie.com, 13-05-2010)

23.08.2010

Il buco di gestione della Nuova Pansac pare sia di 308 milioni di euro. C’è un accordo, gestito tramite Alix partner e lo studio Sartor, per far ripartire la società grazie a un accordo con le banche creditrici e i principali fornitori. Per altri 508 fornitori viene garantita la liquidazione dei propri crediti previo accordo con il tribunale. Il ramo d’azienda produttivo viene conferito a Pansac International SRL mentre il resto, incluse le proprietà immobiliari rimane alla società originale (new company / bad company). Lori contesta i dati, parla di svalutazione momentanea e dichiara di non aver distratto fondi dalla società a favore del Mantova calcio. (fonte gazzettadimantova.gelocal.it, 23-08-2010)

25.11.2010

Approvato dal tribunale di Milano il piano per il salvataggio dell’azienda con creazione di newco produttiva e badco per il patrimonio immobiliare e i debiti. Grazie all’accordo con le banche, una quindicina, per una linea di credito da 40 milioni di euro. (fonte polimerica.it, 25-11-2010)

Dicembre 2010

Annunciata la nuova società. Presiede Antonio Taverna, a latere Luca Ramella (Dg) e Paolo Pecorella. (fonte packagingblog.it, articoli di dicembre 2010)

07.02.2011

Accordo sindacale tra Pansac International e principali sigle nazionali. 40 lavoratori in mobilità, incentivo di 13000 euro per accettare. (fonte filctemcgil.it, 07-02-2011)

08.02.2011

L’azienda vuole chiudere due stabilimenti, trasferire da essi macchinari e una parte di lavoratori. L‘idea è concentrare a Mira (VE) e a Marghera (VE) le attività di Portogruaro (VE) e Ravenna (fonte nuovavenezia.gelocal.it, 08-02-2011)

14.06.2011

Le sigle sindacali annunciano che sarà necessario un nuovo i ncontro il 30 giugno per ridiscutere della messa in opera del piano aziendale dopo un infruttoso incontro presso il ministero del lavoro il 24.05.2011. l’azienda richiede cassa integrazione in maniera imprevista. (fonte filctemcgil.it, 14-06-2011)

26.05.2011

Sciopero di quattro ore delle maestranze dopo il mancato accordo sulla cassa integrazione. L’azienda vuole 210 esuberi , chiudere gli stabilimenti di Portogruaro(VE) e Ravenna (RA). L’idea comprende mettere in CIGS 450 lavoratori su 700. (fonte ecodibergamo.it, 26-05-2011)

01.07.2011

Viene annunciato il fallimento dell’AC Mantova dopo trattative di vario genere, la squadra doveva essere iscritta alla Lega Pro. Lori mette a disposizione le proprie quote di proprietà. (fonte mantovanotizie.com, 01-07-2011)

05.07.2011

Stefano Lupi assume la carica di AD della Pansac International. (fonte milanofinanza.it, 05-07-2011)

28.07.2011

Tutti i beni dell’AC Mantova vengono messi all’asta dopo il fallimento della società. (fonte mantovanotizie.com, 28-07-2011)

08.08.2011

Dallo stabilimento della Nuova Pansac di Ravenna notizie allarmanti. Quattordicesima e stipendio non pagati, mancano i rimborsi del 730. In più il compratore che doveva rilevare l’azienda ritira la propria disponibilità. Si parla di possibile chiusura mentre le maestranze decidono responsabilmente di rimanere al proprio posto malgrado i problemi finanziari della società. L’AD Lupi paventa che se le banche non rifinanzieranno altri tre milioni nelle casse dell’azienda si rischierà il fallimento. Lo stabilimento ravennate sorge in un’area che potrebbe essere interessante per la speculazione edilizia. (fonte Il Fatto Quotidiano, 08-08-2011)

16.09.2011

I lavoratori dello stabilimento di Ravenna si incontrano per rispondere alla richiesta dell’AD, Stefano Lupi, di trasferire un macchinario verso un altro stabilimento e per discutere del pagamento di alcune spettanze. (fonte ravennatoday.it, 16-09-2011)

21.09.2011

Annunciato un incontro tra rappresetanti delle istituzioni venete e la proprietà dell’azienda per cercare di salvare gli impianti di Portogruaro (VE) e Mira (VE). (fonte nuovavenezia.gelocal.it, 21-09-2011)

27.09.2011

Annuciata la chiusura dello stabilimento di Ravenna, reazione delle autorità locali per contrastare la decisione di concentrare tutta la produzione a Mira (VE). (fonte ravennatoday.it, 27-09-2011)

10 thoughts on “Draw the line – la storia della Pansac

  1. Rigore, Sviluppo, Equità vogliamo credere alle parole di Mario Monti di oggi anche per la Nuova Pansac e per tutti i lavoratori che ci credono ancora nonostante tutto……
    Istituzioni, Proprietà, Veri Manager, dovete impegnarvi seriamente a sviluppare questa che un tempo è stata una grande Azienda e oggi deve solo essere amministrata con rigore e volontà di continuità. Ci state???
    Noi si…!!

  2. benuzzi , il tuo non e’ pensar male , anzi , hai centrato in pieno il problema , aggiun gerei che il problema a mio avviso non era solo Lory , ma anche qualcuno che gli stava intorno….io in 10 anni ho sempre visto un cantiere aperto in azienda , sembrava fossimo statali , in pansac tra interni ed esterni ci lavorara un intera provincia…ma la domanda che mi pongo e’ come e’ possibile investire 20 , 30 ,milioni all anno x lo sviluppo di pansac e lavorare x 10 anni 24 ore su 24 producendo un prodotto con brevetti mondiali , fatturare 300 000 000 di euro all anno , e trovarsi con un debito di altrettanti euro…pensare male si fa peccato giusto ? io non aspiro a diventare santo…!!!!

    • Benvenuto, effettivamente i conti non tornano. Va detto, per equità, che non ho mai visto i bilanci ufficiali dell’azienda e che di conseguenza ci potrebbero essere fattori che non ho considerato (debiti pregressi, investimenti in altre società).
      Tuttavia la situazione non è chiara. Spero che i lavoratori del gruppo siano estremamente coesi ora, cercheranno di metterli uno contro l’altro in tutti i modi.

  3. Forse chi può salvare la Pansac sono i suoi lavoratori assieme alla proprietà…ma dovrebbero combattere uniti, sostenersi a vicenda e avere un’unica direzione. Ormai sono anni che cercano di dividervi. Non guardate gli errori di ieri, il mondo è cambiato rapidamente, è inutile rimpiangere i “bei tempi” e cercare per forza un capro espiatorio. Oggi sono necessarie rinuncie; continuate a combattete per il vostro domani…certo che se lo faceste assieme a Lori chi vi si potrebbe opporre…
    Di errori ne sono stati fatti…ma quando l’azienda andava bene la Pansac era una realtà invidiata da tutti, dove le persone facevano la fila per trovare un posto di lavoro…
    La Pansac ha sempre fatto gola a molti imprenditori…
    ALLONTANATE GLI SCIACALLI CHE CERCANO DI IMPADRONIRSI DELLA VOSTRA REALTà.
    Forza Nuova Pansac!!!!

    • Dissento sulla possibilità di Lori di fare qualcosa di positivo per l’azienda, per il resto non posso che essere d’accordo. La Pansac può e deve essere salvata e la sua più grande speranza sono proprio i lavoratori.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s