Annie Jacobsen – Area 51: an uncensored history of America’s top secret military base

Annie Jacobsen

Area 51: an uncensored history of America’s top secret military base (2011)

Little, Brown and Co.

ISBN 978-0316132947

pp. 544

Prezzi vari, vedere su Amazon.com qui.

 

Quarta di copertina (da Amazon.com).

Area 51 is the most famous military installation in the world. And it doesn’t exist. Located a mere seventy-five miles outside of Las Vegas in Nevada’s desert, the base has never been acknowledged by the U.S. government-but Area 51 has captivated imaginations for decades.

Myths and hypotheses about Area 51 have long abounded, thanks to the intense secrecy enveloping it. Some claim it is home to aliens, underground tunnel systems, and nuclear facilities. Others believe that the lunar landing itself was filmed there. The prevalence of these rumors stems from the fact that no credible insider has ever divulged the truth about his time inside the base. Until now.

Annie Jacobsen had exclusive access to nineteen men who served the base proudly and secretly for decades and are now aged 75-92, and unprecedented access to fifty-five additional military and intelligence personnel, scientists, pilots, and engineers linked to the secret base, thirty-two of whom lived and worked there for extended periods. In Area 51, Jacobsen shows us what has really gone on in the Nevada desert, from testing nuclear weapons to building super-secret, supersonic jets to pursuing the War on Terror.

This is the first book based on interviews with eye witnesses to Area 51 history, which makes it the seminal work on the subject. Filled with formerly classified information that has never been accurately decoded for the public, Area 51 weaves the mysterious activities of the top-secret base into a gripping narrative, showing that facts are often more fantastic than fiction, especially when the distinction is almost impossible to make.

Recensione flash.

Inchiesta di stampo giornalistico sulla storia e i misteri dell’Area 51. Malgrado il taglio non prettamente sensazionalistico e un’enorme lista di fonti / documenti non convice del tutto per il credito concesso ad alcune tesi molto controverse.

Voto: 06,00 / 10,00

Recensione.

Ci sono libri che lasciano con una sensazione sgradevole, una sorta di retrogusto intellettuale che ti fa dubitare di aver fatto bene a dedicargli del tempo. Questo saggio sulla storia della base militare più famosa e controversa del mondo fa parte della categoria. L’autrice è una giornalista e ha evidentemente cercato di documentare o riscontrare in qualche modo tutti gli episodi che racconta e presenta con un punto di vista che vorrebbe essere neutrale; il punto debole del libro è proprio in questa premessa. Non mi sembra sensato mettere sullo stesso piano fatti confermati e incontrovertibili, per i quali esistono fior di prove, con tesi basate più sul complottismo per le quali non ci sono basi verificabili.

Il testo offre una carellata interessante di eventi poco conosciuti al grande pubblico che spaziano dai progetti della CIA e dell’Air Force per una lunga serie di velivoli sperimentali ai programmi di esperimenti nucleari condotti dentro e fuori gli USA, il tutto con una serie di insight sulle controversie all’interno delle varie amministrazioni presidenziali e degli stati maggiori delle forze armate. A tratti emerge chiaramente l’atmosfera irripetibile degli anni ’50 e ’60, quando le frontiere dello scibile venivano spostate avanti a forza di esperimenti al limite del temerario che oggi sarebbe difficile immaginare. È su questo terreno che la Jacobsen mette a segno i colpi migliori e riesce a coinvolgere di più il lettore.

Come impostazione è un libro rivolto al pubblico americano che cerca di collocarsi nella scia del giornalismo investigativo avendo come concetto base quello di svelare ai lettori come sono stati spesi i fondi federali e che razza di programmi sono stati portati avanti per decenni sotto la copertura del segreto militare. Visto da un europeo in alcune parti sembra addirittura ingenuo data la differenza con l’approccio cinico che esiste da questa parte dell’Atlantico verso i governi nazionali. La tesi di fondo rimane comunque interessante se la si vuole inquadrare come una storia delle misure prese dai governi statunitensi negli anni della guerra fredda e, in seguito, degli ultimi decenni di fronte a un quadro strategico globale in costante evoluzione. Non mancano le critiche, sempre espresse sobriamente, verso un apparato industriale e militare che appare sempre più distante dal resto della nazione.

Pur avendo assegnato un voto sufficiente non raccomando di acquisire questo libro a meno di non essere fortemente interessati alle tematiche relate all’Area 51. Non aggiunge niente di sostanziale e come già accennato lascia troppo spazio a tesi ardite per quanto riguarda il crash di Roswell del 1947.

Recensione del NY Times: http://www.nytimes.com/2011/05/16/books/area-51-by-annie-jacobsen-review.html?pagewanted=all

 

Annie Jacobsen

9 thoughts on “Annie Jacobsen – Area 51: an uncensored history of America’s top secret military base

  1. Mai mi sarebbe scappata voglia di comprare un libro del genere, meno ancora dopo la tua recensione.
    Fa sorridere la frase “… uncensored history of America’s top secret military… ” che può essere presa per vera soltanto da qualcuno che ancora crede al mito della democraia US, esportata via B52 nel resto del mondo. Se tenesse fede al titolo un libro del genere non sarebbe mai arrivato alle stampe, mentre il suo autore sarebbe stato invitato all ‘Area 51… per conoscerla dall’interno!

  2. Concordo totalmente con Hot.
    Ammirevole il fatto che tu riesca a terminare un libro così, a me in genere non succede perché mi stufo prima, ma tu riesci comunque a offrire un ottimo servizio in queste pagine.

    • Avevo il dubbio. Del resto il mio alter ego dimensionale me lo dice sempre che gli uomini in nero mi tengono d’occhio. Speriamo che il prossimo asteroide non mi centri il garage che ho appena finito di metterlo in ordine.🙂

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s