2011, il progetto scomparso

Non mi sono dimenticato del progetto SF. È tutto in ritardo estremo, roba da vergognarsi a uscire di casa al pensiero. Avevo sperato / teorizzato di mettere in linea qualcosa già questo mese, anche prima di Natale. Invece sono qui a cospargermi il capo di cenere e a invocare misericordia. No, non ci siamo.

La cause sono molteplici, ma il responsabile principale della cosa sono io e di conseguenza sono sempre io a fare il passo successivo. Tenendo presente anche il sondaggio condotto da Sekhemty, da cui non è emerso un orientamento chiaro che si staccasse nettamente dalle opzioni proposte, ho deciso d’imperio di preparare un blog qui su WordPress.

L’idea è di avere un blog multi autore, dove un gruppo di persone di volta in volta mette in linea articoli, recensioni e altro materiale secondo le idee che erano maturate nei mesi scorsi. Il tutto con un’utenza attiva anche sui social network (ovvove!) sperando nell’arco del 2012 di riuscire un pezzetto alla volta a raggiungere un numero sempre maggiore di appassionati.

Volendo lo si potrebbe definire una blogzine, termine che a me non piace molto, ma che lascia spazio a molte iniziative con la possibilità concreta di far ruotare in maniera adeguata il carico di ‘lavoro’ su più persone per non stressare nessuno. Il bello dei contenitori virtuali è quello di potersi espandere o contrarre  a seconda delle necessità, vedremo come far navigare questa nuova bestiolina.

Detto questo, sono pronto al lancio dei pomodori & uova adeguatamente marce. Fatevi sotto!

26 thoughts on “2011, il progetto scomparso

  1. Che bella l’idea del blog multi autore. Oltre all’indubbio vantaggio della presenza di voci diverse, con diverse sfumature e punti di vista, si avrebbe un altro consistente vantaggio: quello di mantenere vivissima l’iniziativa, indipendentemente dai singoli partecipanti, la loro “pigrizia”, i loro impegni.
    Un abbozzo di qualcosa di simile lo tentammo tre anni fa circa, come certamente ricorderai, assieme ad Alessio. Peccato che la vita ci ha portati da parti diverse e gli impegni di lavoro hanno preso il sopravvento.
    In bocca al lupo per questo interessante progetto.

  2. L’idea mi sembra ottima. Come sempre, poi, bisognerà metterla alla prova del fuoco e vedere effettivamente quanto la partecipazione sarà attiva! Quindi per ora niente uova e pomodori; al massimo qualche panettone riciclato!

  3. Non credo che il ritardo sia un problema, dopo tutto abbiamo tutti la nostra vita :-)

    Per il resto sai già che io ci sono, anche se onestamente non so bene che ruolo potrei ricoprire: di SF ne so molto meno di tanti altri che a suo tempo si sono proposti per collaborare. In ogni caso vedremo quando si presentano le necessità a chi affidare i vari compiti.

    • Non so chi possa dirsi veramente esperto quando si parla di SF e francamente neppure mi interessa. Quello che serve sono appassionati del genere in tutte le sue colorazioni, persone che si divertono a parlare di narrativa, film o telefilm, che scoprono autoproduzioni in giro per il web o propongono a loro volta progetti. Per l’accademia del fantastico vedremo, magari quando passerò i sessanta mi sembrerà una buona idea (eh, voi giovani non capite com’erano belli i libri in endecasillabi misti!)

  4. Beh su Facebook non ci sono, ma per tutto il resto niente uova marce, anzi il sostegno pieno. Ci sentiremo meglio al mio ritorno il 2 : dopo quel giorno dovrei anche riprendere a scrivere qualcosina su Nocturnia, e quindi considerami tra i coautori del nuovo pargolo.
    Ci sentiamo in prvt.

  5. Bella idea. Mi piacerebbe partecipare, anche solo in piccola parte visto che la mia esperienza in campo sf è davvero minima. Però la cosa mi aveva intrigato fin dall’inizio, quindi considerami a bordo :)

  6. Ottima idea. Il rischio di avere più autori è che il lavoro risulti disordinato e perda un po’ di forza. Credo sia molto importante coordinare gli sforzi di tutti.
    Se posso contribuire, ben volentieri. (come bassa manovalanza, eh, mica come regia;-))

    • Grazie, spero di ritrovarti anche sulla nuova piattaforma. :-)
      le perplessità sono giuste, bisogna avviare tutta la macchina e farla girare almeno sei mesi prima di poter pensare di avere un minimo di risultati.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s