Due minuti a mezzanotte – si comincia!

Ci siamo, il nuovo round robin è cominciato. Con la prima parte pubblicata da Alessandro Girola la campagna narrativa “Due minuti a mezzanotte” ha iniziato la sua corsa, destinata a proseguire con un diverso autore ogni settimana per i prossimi mesi.

Malgrado qualche dubbio dell’ultima ora almeno trenta narratori si alterneranno per fare proseguire una storia che parte da una caratterizzazione forte e di cui non è possibile prevedere l’evoluzione. Faccio parte della squadra anche io, con un ruolo per me inedito ovvero quello di chiusura.

Toccherà a me raccogliere i vari filoni narrativi, potare senza pietà quelli che giudicherò essere rami secchi e dare l’ultimo colpo di spada, il colpo di grazia. Quello che spero, lo dico nell’interesse di tutti, è che i colleghi che mi precederanno si parlino tra di loro, che diano uno spazio ampio alle loro trame.

Avere un limite di 1000 parole complica parecchio la vita, specialmente se non si è abituati a disciplinare la propria maniera di scrivere. Durante la “Sick Building Syndrome” promossa da Davide Mana quando è toccato a me ho dovuto ridurre di 200 parole circa il contributo che avevo scritto e non è stato semplice.

Ora tocca aspettare. Leggere man mano, prendersi appunti. E continuare a passare la pietra sulla lama, senza fretta.

10 thoughts on “Due minuti a mezzanotte – si comincia!

  1. Bravissimo! Ottimo consiglio, quello di parlarsi e confrontarsi. Magari lo ribadirò anch’io.
    Utilizzate i commenti dei vari capitoli e la pagina facebook di 2MM per scambiarvi idee e per concordare elementi/personaggi comuni.
    Dài, per una volta cerchiamo di stupire tutti e di fare qualcosa di memorabile😉

    • Il potenziale per fare bene c’è, le coordinate di partenza sono tali da consentire uno scenario di amplissimo respiro. Spero che ci si renda conto di avere un mondo a disposizione e che non ci si limiti ad agire solo in una città. Il resto come sempre dipende dall’intelligenza dei singoli e dalla voglia di divertirsi, speriamo che le due cose concordino.

  2. Non ti invidio perché non deve essere facile gestire una chiusura del genere. Per fortuna io sono a metà e cercherò di fare meno danni possibili. Alex è stato saggio!😉
    Confrontarsi strada facendo credo sia fondamentale. Io ho già iniziato a farmi gli schemini, non solo mentali.😉

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s