Questione di talento

Ognuno di noi fa tantissime cose nell’arco della sua vita, a volte in maniera decisamente efficace, con punte di eccellenza in questo o quel campo di azione.

Non è legato solo alla propria veste professionale, o alle proprie vesti dal momento che ci si trova a cambiare ambito e mansioni con una facilità crescente indotta dal precariato e da un mercato del lavoro a dir poco instabile. No, non voglio parlare di questo tipo di cose. Il punto è che per quanto si possa essere bravissimi a fare mille cose diverse, nessuna potrebbe essere espressione di un talento vero e proprio.

Dove si trova la differenza?

Cosa distingue il talento da un’ottima tecnica o da una predisposizione?

Quale può essere il discrimine tra il fare bene qualcosa e fare quello che ci permette di esprimere il nostro talento?

E ancora, come fare a capire che talenti possediamo?

Non ho risposte da guru o da scienziato da dare, sia chiaro. Questo è un tema su cui ragiono da decenni, senza aver trovato un metodo o una strategia per dare risposte chiare a queste domande. Volendo scherzare, si potrebbe anche dire che il mio talento è quello di perdere tempo dietro questioni filosofiche.

A costo di essere brusco, non mi interessa neppure sapere quali talenti possiedano i miei lettori, nè come siano arrivati ad esprimerli. Non è questione di menefreghismo, è che secondo me ognuno deve trovare le proprie risposte e/o il proprio percorso per arrivarci.

Ad oggi l’unica risposta che ho trovato è ascoltare. Quando facciamo qualcosa, ognuno le sue, è possibile che ne si traggano grandi soddisfazioni, oneri e onori. Ma il punto importante arriva quando sentiamo dentro una sorta di voce, un calore che ci fa capire che quella specifica azione, quel modo di vivere il particolare attimo, è davvero importante per noi. Credo sia lì la percezione interna del talento, il momento particolarissimo in cui ci si rende conto che si sta facendo la differenza per se stessi.

Se vi dovesse capitare questo tipo di sensazione, fermatevi. Ascoltate.

5 thoughts on “Questione di talento

  1. Splendido articolo.
    In recitazione, per esempio, il grande Stanislavskij sosteneva che una cosa come il “talento” non esistesse. Anche Cechov era abbastanza d’accordo con lui…
    Illuminante quello che dici sull’ascoltare, che probabilmente dovrebbe essere per prima cosa un ascoltarSI. Beh, poi la questione del trarre soddisfazione, della “voce interiore”… Qualcuno potrebbe trovare dei rimandi interessanti ai “Carismi” di cui parla San Paolo… Ma vabbè, poi temo sempre di essere accusato di “religiosità e spiritualità eccessiva”😀

    Comunque complimenti per il post. ^_^

    • Grazie per l’apprezzamento. Io non avevo pensato ai risvolti religiosi, presenti in diverse tradizioni anche non cristiane. Per esperienza personale e altre cose che sarebbe lungo raccontare mi sono convinto che dentro di noi ci sia qualcosa che va al di là della mente razionale. Penso sia il punto di origine dei talenti e delle grandi domande.

  2. Molto sensato.
    Aggiungerei: il tuo talento, scarso o evoluto che sia, ti deve soprattutto far stare bene.
    Che è una cosa – lo stare bene con se stessi – a cui la gente pensa sempre meno spesso.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s