Feeds:
Posts
Comments

Posts Tagged ‘Mario Monti’

Yesterday the italian minister for foreign affairs, Mr. Giuliomaria Terzi di Sant’Agata, resign his mandate in a public session of the Camera dei Deputati (it’s the House of Representatives). His speech was quite emotional, full of words like “dignity”, “honor” and “duty”. From a formal point of view, even a good speech.

The reasons to resign the mandate are related to the crisis between India and Italy, one of the worst diplomatic events in the history of our republic. Mr. Terzi di Sant’Agata was one of the main actors in this crisis, he got a pivotal role in the decision to keep two italian soldiers (Massimiliano Latorre and Salvatore Girone from Battailion San Marco) at home in spite of the previous agreement with the Indian central government.

giulio terzi

I’ve titled this post about ‘a noble man’.  Mr. Terzi di Sant’Agata indeed got all the trademarks of a noble. He’s a baron, a marquis, a count and a knight. I’m not joking, he’s the descendant of a noble family. A pity that Italy doesn’t recognize any of this titles. Ostensibly Mr. Terzi doesn’t remember his noble heritage as well. He forgot his long-term family tradition when it comes to act in order to guarantee the honor of our country, tha same applies for what happened yesterday.

You see, it’s all about politics these days. And personal interest as well. Mr. Terzi, shortly before his speech, assured the prime minister Mario Monti that he will not give up his mandate. The truth is that he already got a private agreement with the center-right party in order to get a safe seat in the next parliament. That was his price to deliver his resignation speech, another hard blow to the italian government.

Mr. Terzi got all the show for him yesterday. He walks away from his role, caring nothing about our country, our soldiers in India, about all the issues that are in the political agenda these days. What we got it’s another face in the gallery of the unworthy in the history of Italian Republic, another day of shame in front of our allies worldwide. A real nobleman indeed.

Read Full Post »

At the end of a short and bitter political campaign we finally have the results of this election run. There are three different results to evaluate: votes for the “Camera dei Deputati” (House of Representatives of Lower House), votes for the Senate and finally votes for the regional assemblies of Lazio, Lombardia and Molise (that will be available today in the evening). The first two results give the picture of the next national government, the latter are important too giving the political and economical weight of Lazio and Lombardia.

Camera dei Deputati (House of Representatives or Lower House)

Center-Left coalition (PD, Sel, CD, Svp) 340 seats

Center-right coalition (PdL, LN, seven other parties) 124 seats

Mario Monti coalition (Sc, UdC, FLI) 45 seats

Movimento 5 Stelle 108

Result: absolute majority for the center-left coalition.

Senate

Center-Left coalition (PD, Sel, CD, Svp) 113 seats

Center-right coalition (PdL, LN, seven other parties) 116 seats

Mario Monti coalition (Sc, UdC, FLI) 18

Movimento 5 Stelle 54 seats

Result: no absolute majority (158 seats needed)

What will happen now?

The situation we got now is quite difficult to elaborate. In Italy any government we need a confermation vote in both houses and as you may see there is no coherent majority between Senate and House of Representatives. With this numbers it’s quite clear that it’s up to Pierluigi Bersani (leader of the center-left coalition) to form the new italian government from a minority position in Senate, that will be the first time ever in Italy. He will be appointed by italian president of the Republic,  Mr. Giorgio Napolitano, shortly after a formal round of sessions with all the political leaders. The first challenge for Mr. Bersani will be to win more votes at the Senate on a reform program; that could come both from the senators of “Movimento 5 Stelle” and from their collegues from “Mario Monti coalition”. It is important to note that this time we will have far more women that before in both houses, that could be an important factor for the social issues this goverment will have to face in the next few months.

Who win this round?

The  “Movimento 5 Stelle” party scores an impressive result, even more impressive for a party that got no real infrastrucure, a very light organization model and no political allies at all. This party will be the key factor at Senate and a very powerful influence in the parlamentary commissions. By popular consensus is the first party in Italy.

Who lose this round?

Mr. Silvio Berlusconi party, “Popolo delle Libertà” (PdL) lose millions of votes from the 2008 national elections, the same can be said for his allies “Lega Nord” (LN) that  lose about half of its consensus (from a bit more 8% to the actual value of 4%). It is to be considered that a few weeks ago polls gave far worser numbers for both parties. Now Mr. Berlusconi will try to negotiate for a short-term government.

Mr. Mario Monti, incumbent PM, lose his bet for a new political party. He needed about 15% of the general consensus to be incisive in the next legislature and fall short from the intended target. Very short. His allies has been crushed (UdC and FLI), leaving him alone in the field. If Mr. Bersani and Mr. Grillo reach any kind of agreement then he’s out from all power plays.

Mr. Antonio Ingroia, leader of “Rivoluzione Civile”, is screaming blue murder about his failure to get enough votes to enter the national assembly. He blames Mr. Bersani, blames his allies, blames the media and the whole world. This round certfies the political death of four minor parties and the end of the political career of their leaders. For Mr. Ingroia it’s high time to go back to his previous work.

Mr. Oscar Giannino, leader of “Fare per fermare il declino”, has been burned out by a scandal shortly before this round. Bad news for a brand new party like this one and huge consequencies for its electoral results. They are out for good, with about 1% of the votes. They will decide what to do in the next few days, starting for the need of a different leadership.

Who is left in the middle?

Center-left coalition is on a very peculiar position. They control the lower house, Mr. Bersani is the first candidate for leadership of a new government. At the same time they lose an irrepetible choice to win national elections, due to a number of mistakes done in tha last two months.  Mr. Bersani find a bitter end for a long and good political career, the party is shocked. 

Read Full Post »

Visto che siamo in campagna elettorale è bene fare un piccolo esercizio di memoria, utile soprattutto per chi volesse votare ragionando. Dal centro destra, nello specifico da Silvio Berlusconi, sta arrivando un messaggio molto chiaro e di sicuro appeal per i tantissimi che hanno appena sacrificato gran parte della tredicesima per pagare l’IMU.

Il messaggio è: aboliremo l’IMU. Come fecero in passato quando venne cancellata l’ICI. Questa tassa sulle proprietà immobiliari è particolarmente odiosa per i cittadini, vero? E il governo di Mario Monti è stato così cattivo con tutti noi, vero? Per non parlare di tutti quei sindaci che hanno alzato l’aliquota minima con cui calcolare l’IMU, aggravando non poco la cifra da pagare.

Imu-e-Ici

Ma chi se l’è inventata l’IMU?

Monti? Eh, no. Non ci siamo. Il provvedimento da cui deriva l’IMU è il decreto legislativo n.23 del 14 marzo 2011. E sapete chi ha firmato quel simpaticissimo decreto? Lo ha promulgato il Presidente della Repubblica, come tutte le leggi dello Stato. Ma a firmarlo c’erano nell’ordine:

Silvio Berlusconi, allora Presidente del Consiglio dei Ministri

Giulio Tremonti, allora Ministro dell’Economia e delle Finanze

Umberto Bossi, allora Ministro per le riforme per il federalismo

Roberto Calderoli, allora Ministro per la semplificazione normativa

Raffaele Fitto, allora Ministro per i rapporti con le regioni e la coesione territoriale

Roberto Maroni, allora Ministro dell’Interno

Renato Brunetta, allora Ministro per la pubblica amministrazione e l’innovazione

Non ci credete? Benissimo, cercate in rete il testo completo del decreto, le firme sono in fondo. Un link utile potrebbe essere questo.

A febbraio 2013 si vota. Fino ad allora ci toccherà sentire Berlusconi, Maroni e Brunetta che ci racconteranno di come sia terribile l’IMU e di quanto male faccia ai cittadini. Tutto questo pensando che noi si sia tutti così poco intelligenti da non ricordare chi ha fatto tutte questo. Io me ne ricorderò.

Read Full Post »

L’esperienza del governo Monti, per quanto sia ancora in corso, è utile a sostenere una tesi molto pesante a proposito della differenza tra il nostro sistema politico / istituzionale e quello europeo di riferimento ovvero quello tedesco. La tesi può essere riassunta in poche parole: in Italia non esistono le condizioni per un governo di unità nazionale e di conseguenza per attuare un programma di riforme condiviso.

(more…)

Read Full Post »

Ho appreso qualche giorno fa che per la successione del segretario generale della NATO, poltrona attualmente occupata dal danese Anders Fogh Rasmussen, si sta facendo con una certa insistenza il nome di un italiano. Sarebbe anche una buona notiza, dal momento che l’ultimo nostro connazionale a ricoprire quel ruolo è stato Manlio Brosio nel periodo 1964-1971.

Per il contributo di uomini e mezzi che abbiamo dato e stiamo dando alle missioni internazionali la scelta appare altrettanto giustificata (al momento abbiamo circa 10.000 effettivi impegnati in giro per il mondo, con tutte le spese e il carico di responsabilità che ne deriva) e nell’ottica di far ruotare queste cariche all’interno dei paesi dell’alleanza atlantica non è certo strano che tocchi di nuovo all’Italia.

Poi si arriva al nome dell’italiano che dovremmo candidare. Si tratta di Franco Frattini. Sì, proprio quel tizio che da anni ciondola nella scena politica italiana ed europea, lo stesso che tendiamo a rimuovere dalla nostra memoria appena succede qualcosa di più interessante come il passaggio di una zanzara. Se mi sforzo posso anche capire le ragioni di politica interna che fanno arrivare a una scelta del genere ma per prima cosa penso alla figura che ci facciamo come paese.

L’attuale segretario, il già citato Rasmussen, è stato primo ministro del suo paese ed è ritenuto una figura importante nella vita politica danese degli ultimi decenni. Si potrebbe dire che rappresenta nell’alleanza il suo paese con un peso apprezzabile, dato dalla reputazione e dagli atti di governo. Il confronto con Frattini stride e non poco. Rapportarsi poi con la figura di Brosio, membro di una generazione che ha pagato sulla sua pelle la seconda guerra mondiale e gli anni della costruzione della Repubblica, è del tutto improponibile.

In un momento in cui l’immagine del nostro paese all’estero è in lenta ripresa, dopo aver conosciuto dei veri e propri abissi, è opportuno candidare qualcuno che non rappresenta il meglio che possiamo esprimere? Dopo aver mandato Mario Draghi al vertice della BCE ed essersi aggrappati alla reputazione internazionale di Mario Monti, davvero possiamo permetterci una cosa del genere? E se il candidato italiano deve proprio essere espresso dalle file del centro destra per i soliti bizantismi è mai possibile che non ci sia qualcuno di più credibile?

Vorrei far notare come già in commissione europea abbiamo perso di “peso” negli ultimi anni, ridotti come siamo ad essere rappresentati in quella sede da Antonio Tajani che alla carica di vice presidente unisce un dicastero di secondaria importanza (dove comunque è riuscito a farsi notare da metà della stampa europea per una serie di dichiarazioni stravaganti sul turismo come diritto). Dato il momento critico e l’importanza della NATO dobbiamo poter fare di meglio, mettere finalmente le ragioni del sottobosco politico romano dietro le necessità dell’alleanza atlantica.

Come ultima considerazione, che spero sia ritenuta decisiva in sede NATO, mi spiegate come possiamo pensare di assumere un ruolo incisivo nell’alleanza se non riusciamo neppure a far liberare i nostri marò illegalmente trattenuti in India?

Read Full Post »

Gira sulla Rete l’accostamento tra Mick Jagger e Mario Monti, dove si fa notare che sono coetanei, la contrapposizione non potrebbe essere più stridente. Essendo quello che sono, ho controllato ed è vero. Jagger è nato il 26 luglio 1943 e Monti il 10 marzo 1943.

Da qui l’ispirazione per un giochino, trovare altre corrispondenze del genere per anno di nascita e sesso.

Per esempio Corrado Passera (ministro dello sviluppo economico, infrastrutture e trasporti) è nato il 30 dicembre del 1954 come Ross Friedman, più conosciuto come Ross the Boss dei Manowar (nato il 3 gennaio del 1954).

A Elsa Fornero (ministro del lavoro, politiche sociali e pari opportunità), nata il 7 maggio del 1948, ci si può divertire a far corrispondere Grace Jones, nata il 19 maggio dello stesso anno. Già pensarle vicine fa venire il mal di testa.

Giampaolo di Paola (ministro della Difesa) è nato il 15 agosto del 1944 è coetaneo di Jimmy Page (9 gennaio del 1944) e immaginare il chitarrista dei Led Zeppelin con l’uniforme da ammiraglio credo sia superiore a quello che si può immaginare, anche sotto LSD.

Manca ancora Anna Maria Cancellieri (ministro dell’Interno), nata il 22 ottobre del 1943, oltre a essere coetanea della coppia Jagger/Monti può essere accostata in questo giochino a Miriam Johnson, cantante country più nota con il nome d’arte Jessi Colter (nata il 25 maggio 1943).

Infine parliamo di Corrado Clini (ministro dell’ambiente, della tutela del territorio e del mare), nato il 17 luglio 1947, che non resisto ad accostare a Arlo Davy Guthrie, cantante folk con grande coscienza sociale, nato il 10 luglio 1947.

In coda, una riflessione… ma se potessimo fare cambio?

Read Full Post »

Quanto segue è un post di commento al recente declassamento del rating del debito pubblico italiano, assieme a quello di altri paesi europei, operato dall’agenzia Standard and Poor’s poco prima della chiusura della sessione di Wall Street di venerdì 13 u.s.

Avviso che verranno utilizzati toni polemici e che si procederà a fare ipotesi sulle ragioni di questo declassamento che esorbitano da quanto contenuto nelle dichiarazioni rilasciate dall’azienda citata. Scrivo questo post perché ho la forte impressione che ci trovi su un momento significativo non solo per l’economia europea o italiana.

Vi siete mai chiesti chi controlla le aziende che stabiliscono i rating? Standard & Poor’s, Moody’s e Fitch sono società per azioni e in ossequio alle regole del mercato si sa anche chi le controlla, potete controllare a questo link dal portale di ADN Kronos.

Riassumendo come stanno le cose Standard & Poor’s controlla circa il 40% del mercato e lo stesso fa Moody’s; il resto è in mano a Fitch. S&P è controllata da McGraw-Hill e la compagnia madre ha come principali azionisti Capital World Investors, T. Rowe Price associates, Black Rock Investments e Fidelity Managements and Research. Chi sono costoro? Aziende di dimensioni rilevanti che operano sul mercato che si basa sulle valutazioni delle agenzie di rating. Interessante, vero? Moody’s ha quattro azionisti principali, Berkshire Hathaway (Warren Buffett), Capital Research Global Investors, Capital World Investors (ma guarda!) e Fidelity Managements and Research (ma ri-guarda!). Poi c’è Fitch che è sotto il controllo di due azionisti, il finanziere francese Marc Euge’ne Charles Ladreit de Lacharrie’re e il gruppo Hearst.

Quindi i regolatori del mercato sono controllati da chi vi opera. Se poi si aggiunge che le entità finanziarie sopra nominate sono tra i maggiori player del mondo finanziario, che sono in rapporti strettissimi con le principali banche di investimento e i maggiori gruppi bancari mondiali appare un circuito che è difficile definire virtuoso. Per capirci la stragrande maggioranza delle transazioni significative di titoli, valute e commodities che vengono effettuate ogni giorno passa attraverso un numero ristretto di banche d’affari e gli orientamenti espressi da queste aziende sui mercati condiziona fortemente il loro sviluppo.

Ritornando al tema principale abbiamo una notizia: S&P ha abbassato il rating di numerosi paesi europei di un grado nella scala di valutazione e di due gradi nel caso dell’Italia. In sintesi la motivazione è che quanto fatto finora non è sufficiente per migliorare il quadro economico, generale e particolare, sia dei singoli paesi che dell’area europea. Senza offesa per gli altri, il dato di rilievo è quello della Francia che perde la valutazione AAA di massima affidabilità. Ma cosa è successo prima di questa decisione?

Fatto: i governi tedesco e francese hanno riconosciuto che la manovra effettuata dal governo Monti è efficace e fa allontanare l’Italia dalla zona di pericolo default. Lo stesso Monti ha in seguito incontrato il presidente francese e la cancelliera tedesca come pari e non come guida di un paese de facto commissariato.

Fatto: in sede europea si spinge per applicare la cosiddetta Tobin Tax, ovvero un prelievo su ogni transazione che avviene nelle borse appartenente ad alcune categorie di operazioni. Solo il governo inglese rifiuta questa decisione.

Fatto: Sarkozy ha dichiarato che la Francia è pronta ad applicare la Tobin Tax in maniera unilaterale in tempi brevissimi. La Merkel vorrebbe una decisione condivisa dagli altri paesi europei ma ha dichiarato di essere favorevole, lo stesso ha dichiarato Monti.

Fatto: in sede di incontri trilaterali (Francia, Germania, Italia) si sta ragionando sulla possibilità di conferire maggiori poteri alla BCE (sul modello della FED americana), di rafforzare il fondo EFSF (detto salva stati) per combattere le manovre speculative ai danni degli stati più esposti, di mettere in cantiere il progetto di emettere eurobond (titoli che si riferiscono all’intero debito dell’area euro e che verrebbero emessi e garantiti dalla BCE).

Fatto: nei suoi dieci anni di vita l’euro non solo è diventato una valuta importante ma si è posto come valuta di riferimento in ambito internazionale a scapito del dollaro americano.

Fatto: dopo la perdita del livello AAA da parte degli Stati Uniti sono aumentate le richieste da parte dei mercati per l’utilizzo dell’euro al posto del dollaro come valuta rifugio. In particolare la Cina ha iniziato a spostare parte dei suoi acquisti verso l’Europa.

Fatto: le ragioni sopra esposte portano l’Europa a 17 (area euro) a iniziare il cammino di ripresa che dovrebbe essere in grado di assorbire la crisi di alcuni paesi (Spagna, Portogallo, Italia, Irlanda) e di provvedere in maniera più efficace nei confronti della Grecia di concerto all’FMI.

In questo quadro si abbatte la decisione di S&P. È probabile che nei prossimi giorni anche Moody’s e Fitch si allineino al downgrade. Ma quali sono le conseguenze per i paesi interessati?

In generale si può affermare che un minor livello di affidabilità comporta una maggiore difficoltà a collocare i titoli di Stato. In pratica per venderli si deve offrire un rendimento maggiore e questo comporta di dover pagare interessi maggiori (si alza lo spread con i titoli di riferimento, i Bund tedeschi).

Ci sono comunque due casi più eclatanti degli altri. Per la Francia perdere la tripla A non è solo uno smacco sui mercati ma rappresenta una spinta potente nella competizione elettorale per l’elezione del presidente della Repubblica. Inoltre declassare la seconda economia europea rende molto più difficile realizzare gli eurobond; il livello di fiducia dei mercati verso questi titoli dovrebbe basarsi principalmente sulla Germania, unica superstite a rating AAA tra le economie maggiori dell’area euro.

Venendo a casa nostra passare a DUE livelli sotto per arrivare a BBB+ ha due conseguenze immediate. La prima è che anche i debiti degli enti locali classificati come A o A+ verranno declassati dal momento che non possono essere sopra il livello dello stato di riferimento, quindi anche i vari bond locali avranno maggiori difficoltà di collocamento (banche comprese).

La seconda conseguenza è devastante. I fondi pensione USA non possono acquistare o mantenere nel proprio portafoglio titoli con rating inferiore ad A. Quindi smetteranno di acquistarli e venderanno quelli in loro possesso se le altre agenzie ci declasseranno. Il tutto in un anno dove deve essere collocato una massa di titoli superiore al normale. Se ci avessero tolto un solo grado, da A+ ad A, la conseguenza citata non sarebbe significativa.

In pratica ci siamo presi uno spintone verso il baratro del default. Sia come Italia che come area euro. Ribadisco che se l’Italia crolla l’euro come moneta la segue un momento dopo. Chiaro?

Cui prodest? A chi giova tutto questo? Possibile che il nemico da abbattere per i grossi gruppi finanziari americani sia diventato l’euro? Data l’interconnessione elevatissima che esiste tra tutti i mercati mondiali, possibile che non ci si accorga che un disastro europeo trascinerebbe a fondo l’intera economia mondiale? Possibile che ci siano operatori che puntino a un crollo globale che si trascinerebbe per almeno un decennio?

Quale sarà la reazione europea? Non sto parlando delle dimostrazioni in Francia contro S&P o di quelle che potrebbero seguire nei vari paesi. Cosa farà il governo tedesco, quali provvedimenti prenderà quello francese, come agiranno gli altri paesi dell’area euro? Possibile che ci si prepari all’ennesimo black monday sulle borse senza fare altro?

S&P è la stessa agenzia che ha garantito fino all’ultimo su Lehman Brothers. Che ha spalleggiato a lungo Enron. Che non ha saputo prevedere molte delle conseguenze della crisi in corso. Su cosa basano la loro credibilità? Sulla tradizione? Perché in Italia o altrove non dovremmo prendere provvedimenti verso chi ha contribuito notevolmente alla crisi economica?

Sulla crisi ci stanno marciando in molti. Troppi. Sia a livello locale che globale. La stanno usando come pretesto per i licenziamenti, le riorganizzazioni, per eliminare o rarefare le tutele, per scardinare lo stato sociale. Le agenzie di rating non sono la malattia ma un sintomo, un agente del virus per debilitare ancora di più l’organismo. Come tutti i sintomi rischiano di essere contrastate con qualche medicina e nel nervosismo generale rischiano di pagare il prezzo più alto. Ricordiamocelo quando vedremo gli incendi. Perché non saranno gli ultimi.

Read Full Post »

Follow

Get every new post delivered to your Inbox.

Join 446 other followers