A lone man in Rome – understanding the italian crisis

34 days after italian general elections we’re still without a new national government, exposed on the international financial markets in a weak position, punished by a downgrade on our national debt by the three major rating agencies. Two months from now we will have new problems to face like a programmed raise of our VAT level (from 21% to 22%), a change in the composition of a number of taxes (will add more pressure to a very high level) and a number of little and big challenges to stand as a country in order to stabilize our economy.

In a few words, we need a national government. A strong one to be sure.

Continue reading

Advertisements

Italian politics 2013 – the progressive alliance

After the results of the 2013 general elections it’s high time for the main party of the center-left field, “Partito Democratico” (PD) to grow stronger and to complete a generational change in its top levels. From now on Mr. Pierluigi Bersani, current party leader, will have to face the day-by-day challenges of the new national government. A number of high level and/or key assignments in the same government will be assigned to other prominent figures of the party and that gives way to a positive phase of rejuvenation inside PD. The key for the future is in a word: social democracy. The main challenge for PD is to become a modern social democratic party, an open reality where more leftist parties like “Sinistra Ecologia Libertà” (SEL) can easily connect and cooperate, a political subject ready to left behind all the legacies from the 20th century.

Pierluigi Bersani

Pierluigi Bersani

These will be hard years for Italy, a five-year term where center-left is once again called to reform and modernize the country in order to join the top European countries (such as Germany and France) in the effort to end the economic crisis and to help the EU to grow stronger again. From 2008 italian population is forced to face a growing inflation, a higher level of unemployment, plus a general uncertainty at all levels for the aggravation of the worst problems (tax elision, tax evasion, organized crime cartels, infrastructures, school levels, public welfare). It’s like to be caught between a rock and a hard place being at the helm of a country like Italy today, where every possible effort is to be inscribed in a figure given by an enormous national debt and the agreements done with EU authorities. There will be a huge political price to pay.

Nichi Vendola

Nichi Vendola

For parties like SEL it will be even harder to get an acceptable give-and-take between ideology and the hard reality of today. In order to face the pressure from the Holy See (not open at all on civil liberties) and the need for social issues (i.e. more money for welfare and public schools), SEL will have to connect strongly with the PD and accept all the criticism from the left-wing parties, a confused array of micro realities that are always in the need of screaming blue murder for every new law approved and/or for every voice in the national budget connected to Defense or Police forces. If SEL could work its way thru the national government in order to promote some of its program it will be a great victory for its leader, Nichi Vendola, and a good bet for the future of the party. Not an easy task, there will be far less money to be invested than before and every euro got to be used properly.

A little role is to played by “Centro Democratico” (CD) and by “Partito Socialista Italiano” (PSI); two small parties, with little electoral base, who needs to be visible to continue their existence. Bruno Tabacci (CD) and Riccardo Nencini (PSI) are seasoned veterans of the political game and they could be very useful to attract in the parliamentary groups defectors from other parties (that happens more than often in Italy).  their diplomatic work will be useful too in the next few weeks, when it will come to elect the new president of the Republic.

Text under copyright – all rights reserved.

Follow me on Twitter! Right here.

Italian general elections 2013 – the results

At the end of a short and bitter political campaign we finally have the results of this election run. There are three different results to evaluate: votes for the “Camera dei Deputati” (House of Representatives of Lower House), votes for the Senate and finally votes for the regional assemblies of Lazio, Lombardia and Molise (that will be available today in the evening). The first two results give the picture of the next national government, the latter are important too giving the political and economical weight of Lazio and Lombardia.

Camera dei Deputati (House of Representatives or Lower House)

Center-Left coalition (PD, Sel, CD, Svp) 340 seats

Center-right coalition (PdL, LN, seven other parties) 124 seats

Mario Monti coalition (Sc, UdC, FLI) 45 seats

Movimento 5 Stelle 108

Result: absolute majority for the center-left coalition.

Senate

Center-Left coalition (PD, Sel, CD, Svp) 113 seats

Center-right coalition (PdL, LN, seven other parties) 116 seats

Mario Monti coalition (Sc, UdC, FLI) 18

Movimento 5 Stelle 54 seats

Result: no absolute majority (158 seats needed)

What will happen now?

The situation we got now is quite difficult to elaborate. In Italy any government we need a confermation vote in both houses and as you may see there is no coherent majority between Senate and House of Representatives. With this numbers it’s quite clear that it’s up to Pierluigi Bersani (leader of the center-left coalition) to form the new italian government from a minority position in Senate, that will be the first time ever in Italy. He will be appointed by italian president of the Republic,  Mr. Giorgio Napolitano, shortly after a formal round of sessions with all the political leaders. The first challenge for Mr. Bersani will be to win more votes at the Senate on a reform program; that could come both from the senators of “Movimento 5 Stelle” and from their collegues from “Mario Monti coalition”. It is important to note that this time we will have far more women that before in both houses, that could be an important factor for the social issues this goverment will have to face in the next few months.

Who win this round?

The  “Movimento 5 Stelle” party scores an impressive result, even more impressive for a party that got no real infrastrucure, a very light organization model and no political allies at all. This party will be the key factor at Senate and a very powerful influence in the parlamentary commissions. By popular consensus is the first party in Italy.

Who lose this round?

Mr. Silvio Berlusconi party, “Popolo delle Libertà” (PdL) lose millions of votes from the 2008 national elections, the same can be said for his allies “Lega Nord” (LN) that  lose about half of its consensus (from a bit more 8% to the actual value of 4%). It is to be considered that a few weeks ago polls gave far worser numbers for both parties. Now Mr. Berlusconi will try to negotiate for a short-term government.

Mr. Mario Monti, incumbent PM, lose his bet for a new political party. He needed about 15% of the general consensus to be incisive in the next legislature and fall short from the intended target. Very short. His allies has been crushed (UdC and FLI), leaving him alone in the field. If Mr. Bersani and Mr. Grillo reach any kind of agreement then he’s out from all power plays.

Mr. Antonio Ingroia, leader of “Rivoluzione Civile”, is screaming blue murder about his failure to get enough votes to enter the national assembly. He blames Mr. Bersani, blames his allies, blames the media and the whole world. This round certfies the political death of four minor parties and the end of the political career of their leaders. For Mr. Ingroia it’s high time to go back to his previous work.

Mr. Oscar Giannino, leader of “Fare per fermare il declino”, has been burned out by a scandal shortly before this round. Bad news for a brand new party like this one and huge consequencies for its electoral results. They are out for good, with about 1% of the votes. They will decide what to do in the next few days, starting for the need of a different leadership.

Who is left in the middle?

Center-left coalition is on a very peculiar position. They control the lower house, Mr. Bersani is the first candidate for leadership of a new government. At the same time they lose an irrepetible choice to win national elections, due to a number of mistakes done in tha last two months.  Mr. Bersani find a bitter end for a long and good political career, the party is shocked. 

Un passo dopo le primarie

La vicenda delle primarie del centro sinistra di quest’anno si presta a molte interpretazioni, al di là di quello che scopriremo essere il risultato finale del ballottaggio di domenica prossima. Ci sono più fattori da tenere in considerazione, sia per quanto riguarda l’immediato che per gli scenari che si configurano per l’anno prossimo. In pratica non vanno a scontrarsi solo due modi diversi di intendere la politica ma anche modalità diverse di progettare il futuro del PD e, per suo tramite, del centro sinistra.

Pierluigi Bersani ha spiegato la settimana scorsa che non intende ricandidarsi come segretario del PD al prossimo congresso. Probabilmente perché intende scindere il suo prossimo, auspicato, ruolo come presidente del consiglio rispetto alla sua attuale funzione di segretario di un partito. Questo comporta due conseguenze: la prima è che si sono aperti i giochi per la sua successione, la seconda è che il prossimo segretario (uso il genere maschile per comodità, non perché auspichi l’esclusione di candidate) dovrà confrontarsi con un PD e un centro sinistra di governo, con l’obbligo di tenere il fronte con la CGIL.

La successione di Bersani avverrà in un quadro inedito. Gran parte della vecchia guardia si è tirata fuori dalle prossime elezioni (Fassino, Veltroni, D’Alema, Melandri), altri sono troppo marginali per poter concorrere (da Marini a Scalfarotto, passando per Fioroni e Ichino), altri papabili sono meno credibili di qualche anno fa (Bindi, Letta) o sono comunque in lista per essere cooptati in un governo di centro sinistra (Fassina, Marino). A un osservatore esterno come posso essere io questa sembra essere una situazione propizia per una mossa efficace da parte di Matteo Renzi.

Il congresso verrà tenuto nel 2013, con ogni probabilità dopo le elezioni politiche di marzo/aprile. Dopo lo sforzo della campagna elettorale, che fin da ora si intuisce piuttosto dura, non sarà una cosa da poco gestire anche la stagione congressuale. Se come sembra probabile Renzi perderà le primarie e rimarrà fuori dalle cariche governative e/o dalle candidature al Parlamento sembra logico presumere che la mobilitazione che ha sostenuto il sindaco di Firenze in questa campagna possa trovare una buona efficacia anche all’interno del PD per il congresso. Da segretario durante un’esperienza di governo del centro sinistra Renzi si troverebbe in una posizione tale da essere condizionante per l’intera legislatura.

Visto che larga parte della dirigenza del PD non vede assolutamente di buon occhio uno scenario come questo con ogni probabilità cercheranno di cooptare Renzi in Parlamento; è verosimile che gli venga proposto in un’ottica di gruppo, del tipo: se vieni a Roma ti facciamo portare un gruppetto dei tuoi, altrimenti si fa tabula rasa sia a Roma che nelle regioni. Piazzare Renzi a Roma comporterebbe fargli anche lasciare la carica di sindaco, chiedere a Manciulli (potente segretario del PD toscano) di trovare una valida alternativa per stroncarne il ruolo locale. Una volta a Roma il potenziale mediatico di Renzi finirebbe per essere annacquato dalle vicende nazionali, il che consentirebbe di metterlo a margine del partito.

Dal canto suo Renzi sa benissimo che in queste primarie si è giocato molto del suo futuro. E’ diventato un personaggio mediatico, ha acquisito un ruolo che prima non aveva, si è messo in mostra come soggetto che esce dai confini del PD e del centro sinistra per attirare su di sé una parte rilevante dei tanti scontenti che sono stati irrimediabilmente delusi dai partiti in questi anni. E’ un capitale notevole, frutto di un investimento altrettanto importante, ma non ha una durata indefinita. Se non vuole diventare una macchietta e finire nel dimenticatoio, Renzi deve pensare alla prossima mossa.

Firenze gli va stretta, questo si sa. La regione Toscana fino a quando l’attuale governatore Ernesto Rossi non vorrà fare un passo indietro o andare a Roma non è facilmente contendibile. Comunque sia anche una regione importante non è un palcoscenico nazionale. Andare in Parlamento da semplice deputato rischia di essere un vicolo cieco e nel governo non avrebbe grandi sbocchi, non con Bersani presidente del consiglio. Uno strapuntino da sottosegretario per lui sarebbe un ruolo troppo dimesso. Questo lascia due possibilità, entrambe di spessore. La prima è contendere il posto di segretario del PD all’attuale dirigenza, con grosse possibilità di farcela. La seconda, già suggerita dai media, è quella di mettersi in proprio e fondare un altro partito con tutti i rischi del caso (vedi l’API di Rutelli o FLI di Fini, cose che contano pochissimo). Avendo alle spalle ampi mezzi finanziari e un ottimo rapporto con i media Renzi può scegliere ma dovrà farlo in tempi stretti, al massimo entro i primi mesi del 2013.

Ancora una settimana

Concluso ieri il primo delle primarie del centro sinistra si possono fare alcune riflessioni, tanto per fissare alcuni punti fermi per i mesi a venire.

Per prima cosa, è stato un salutare esercizio di democrazia e di partecipazione. Proprio per questo ha dato fastidio a chi le primarie le annuncia ma probabilmente non le farà (il Popolo delle Libertà) e a chi non ha nessuna intenzione di procedere ad alcun tipo di conta (Movimento a Cinque Stelle).

Secondo, per quanto siano perfettibili come burocrazia e organizzazione le primarie hanno funzionato e probabilmente andranno bene anche per il turno successivo. Da rilevare che è la prima volta che si tiene un ballottaggio, il che se da un lato mette a rischio la vittoria di Bersani dall’altro assicura un’altra settimana di copertura multimediale enorme per il centro sinistra.

Terzo, chi ha perso per ora si sta comportando in maniera adeguata. Tabacci e la Puppato hanno mostrato la consueta dignità (che bella cosa, da parte di entrambi), Vendola sta limitando le lamentele e non si sta avventurando in narrazioni eterne sull’argomento. Tra tutti balla il 18% dei voti circa, ammesso che i rispettivi supporter si rechino alle urne per il ballottaggio.

Quarto, è evidente che almeno i sostenitori del centro sinistra hanno una gran voglia di votare. Alla faccia di Mario Monti, della Commissione Europea e degli speculatori. La stagione tecnica, almeno come respiro politico, è ampiamente finita. Spero, davvero spero, che a Bersani o a Renzi l’idea sia entrata in testa. Mettersi a caldeggiare ingressi di ministri tecnici questa settimana sarebbe veramente un boomerang.

Quinto e ultimo, la copertura mediatica è davvero buffa. Chiamare a commentare chi non ha nulla a che fare con il centro sinistra o chi osteggia per principio il concetto di primarie ha un che di surreale, per non dire di peggio. La mossa vincente sarebbe stata dare spazio alla gente comune, a chi è stato in fila per poter votare (pagando per farlo). I vari direttori di testata, editorialisti e politici di vari schieramenti non avevano molto di intelligente da dire.

E ora aspettiamo. Di poter chiudere il discorso domenica prossima e di passare questa settimana a sentire se i candidati hanno finalmente voglia di dirci come faranno quello che è compreso nei loro programmi.