The future lies in Greece

GREECE

This will be the last post of this year and my choice is to dedicate it to the Greeks. Yes, to the people of a country that has been almost destroyed in the last years for economic reasons, for the people who has seen everything change for the worst and left behind to pay errors committed in many places out its boundaries. It’s a tiny nation, with less than eleven millions people who found themselves deep down a national debt like never before.

Continue reading

Advertisements

The Cyprus bailout

At the very last moment a plan has been approved in order to save Cyprus from bankrupcy. Why am I not surprised? A few days ago I write another about this situation, the basic idea was to stigmatize that ten billion Euro are small money if we consider the hundreds of billions (or maybe the thousands) Euro already used to save other countries and/or their major banks.

cyprus-map

Cyprus is not the real problem about Eurozone, nor it’s the worst place to consider when it comes to bad finance all aroud Europe. What is Cyprus today? A symbol. It’s a slap in the face of russian oligarchs, who used for years this small island to practice money laundering on a massive scale. It’s a slap in the face of a number of financial operators who used the fiscal laws of Cyprus to pay the lowest tax cut possible in Europe. It’s a warning, a strong one, to Malta (and thru Malta to the UK).

What Cyprus is today it’s a warning to all of us european citizens. The decision to drag a percentile of bank deposits, no matter how much, it’s not only a financial measure made by a scared government but the demonstration that under the combinate pressure of ECB, IMF and WB there are very few chances to escape their decisions. In Italy we already experienced such a fate, back in the ’90s. In order to get enough money to pay the interests on our national debt the government got a small cut, 6 part on one thousand, from every bank account.

So, what about tomorrow? What France will do later this year when the pressure of foreign investors will try to crush its economy? What Slovenia will do next month to lift the pressure of a compromised economy?

The Cyprus setback

Here we are, once again, facing the overheated financial markets. Ready to debate for days or weeks about a new economic crisis and all the perils for a new crash in the world economy. For what? Cyprus, no less.

A small island with a GDP of 24 billions USD. Less than a million of citizens. Safe heaven for money laundering and well-known for its policy of  “don’t ask, don’t tell” about capitals. It’s true, they’re bankrupting and another hard plan of recovery has been prepared to the rescue. Ten billion Euro ready to be deployed to save the national administration.

cyprus-map

In the last five years BCE and IMF erogated hundreds (if not thousands) of billions Euro to save or sustain national economies and/or european-based banks “too big to fall“. Why all the fuss about ten billions Euro? What kind of danger poses a small economy like Cyprus? It looks like smoke and mirrors once again, noise good for the media.

European finance advisors put up their hard face, dictate another batch of memorandums about where to cut in the welfare and in all areas of public expenditure. A massive drag from the bank accounts will be made (in Italy we remember quite well this kind of tax, it has been done in the ’90s) and, once again, a massive output of capitals already leaved the island, well before the drag. The bill is set on the 99%, never on the 1%.

We will have another week of bad news from the rating agencies, more or less the same from BCE, IMF and WB. As I’ve written before, it’s all smoke and mirrors. The real problem is how to get out of the crisis, how to restart the engine of an economic model that’s working no more. Remember the riots in the Eastern Europe, all the demonstrations in Portugal, Greece and Spain. Under the pressure of unemployment and the fears for a major breakdown, even the most pacific people are on a warpath.

Where are the plans for a better tomorrow? When we will see the likes of Angela Merkel and David Cameron explain the road for an economic improvement?

It’s time to say no to recession

Last Sunday, March 2nd, AP reported of massive demonstrations held in Portugal. The basic matter is about economics, to go against the government decision to cut national budget in order to meet the objectives set up by the “Troika” (EU, IMF, WB) to resolve all the issues about debt and refinancing.

portugal demonstrations

This time the combined number of protesteers reach the one million level. It’s always a big number but became pretty impressive when you think that Portugal got a total population size about 10.6 millions. It means that one on ten has been on the streets, demanding a stop to austerity measures.

Like many other countries in Europe, Portugal is facing a growing number of unemployed, a shrinking welfare state and an economy in deep recession. In 2011 the national government stipulate a number of agreements to get an huge bailout (more than 100 USD billions). With a negative cycle in all the main economy sectors the only way to reach the planned steps (for the current government) is to cut national budget.

Four years of recession and the perspective to have at least one more is too much for the portoguese population. Political situation is hot to say the least and the pressure from the streets is becoming too high to stand for the national authorities. So it’s time to say “no”, to put an end to an agreement too heavy for this little country.

The recent examples set by Iceland, that recovers its own financial crisis by a plain refusal to pay its debt to foreing private banks (about 5 euro billions) and from Argentina, that force a massive reconsideration of its national debt in the face of IMF and WB, could drive countries like Portugal and Greece to find a strong way out the Eurozone with unexplored consequencies. Are we ready for such a scenario?

You may find an article by Iain Sullivan /AP here 

Seguire i pifferai

Il perdurare dello stato di  crisi sta facendo emergere il peggio della demagogia, sia in Italia che nel resto d’Europa. Facile giocare sulla paura del futuro, ancora più facile dipingere il passato pre Euro come la terra del bengodi e propugnare come la soluzione di tutti i mali l’uscita dalla valuta comune per tornare alle valute nazionali.

Continue reading

Uno a cinque

Nota per i naviganti: per l’intero mese di ottobre 2011 tutti i post di questo blog riporteranno come prima parte queste righe per ricordare che è possibile votare per il concorso SF qui fino alle 23.59 del giorno 31 di questo mese. Modalità di voto e lista delle proposte sono contenuti nel post linkato.

 

Uno a cinque. Forse addirittura uno a sette. Questi sono i rapporti ipotizzati tra la massa di denaro reale (uno) e quella virtuale (cinque o sette). Il che significa che il denaro considerato reale è quello che corrisponde ad attività produttive o di servizi mentre quello virtuale è generato dalle operazioni finanziarie.

Con una leva del genere non stupisce che questa crisi economica, generata dalle speculazioni finanziarie e dall’incapacità dei maggior governi di farvi fronte, sia la peggiore mai registrata nella storia del capitalismo.

Quello che colpisce delle manovre fin qui portate a termine nei vari paesi e nei piani suggeriti dagli enti sovranazionali come l’FMI o la WB è che si concentrano unicamente sui fattori del debito pubblico degli stati sovrani e sulle misure per incentivare la crescita produttiva. In altre parole se si abbassa il debito e si fa alzare il PIL va tutto bene.

Peccato che i due casi in cui c’è stata davvero una ripresa dopo un fallimento nazionale, sto parlando di Argentina e Islanda, si siano distinti per strategie che solo in parte hanno accolto le indicazioni dei guru dell’economia. In entrambi i casi sono stati ignorati o pesantemente sforbiciati i debiti contratti verso gli investitori stranieri, concentrandosi invece sul mantenere il più possibile alto il livello di occupazione interno. L’Argentina ha anche attuato una svolta protezionistica essendo un paese a vocazione industriale oltre che a poter contare su un buon settore agroalimentare.

Ora ci stiamo avviando verso un deficit controllato dello stato greco effettuando un ‘haircut’, un taglio del valore nominale dei titoli di stato. In pratica si dice ai possessori dei titoli che quello che hanno in mano vale solo una percentuale del valore originale, in questo caso si parla di un taglio del 50%. Peccato che un giochetto del genere funziona solo se l’ammontare totale dei titoli è basso, altrimenti il patrimonio delle banche che li hanno in portafoglio sprofonda e tocca salvarle. Visto che stiamo parlando delle maggiori banche tedesce e francesi è una montagna di denaro da sborsare.

Una strategia del genere è impossibile da approcciare per il debito italiano o quello spagnolo. Sono troppo grandi, lo scossone derivante da una mossa del genere manderebbe al creatore troppe banche tutte assieme. A costo di ripetermi suggerisco di nuovo di pensare al concetto di tagli graduali, se vogliamo fare gli economisti della domenica potremmo chiamare questa strategia ‘progressive haircut’. Suona bene?

Tagliare quindi. Un punto percentuale alla volta, magari cinque nel primo passaggio per dare subito una scossa. Decongestionare i bilanci delle banche un pezzetto dopo l’altro, dirottando di conseguenza gli investimenti in titoli di Stato verso altre direzioni. Ehi, ma così non si rifinanzia il debito! Dichiariamo fallimento! Panico-paura-terrore, qualcuno suoni l’allarme!

No, il debito dello Stato va davvero rifinanziato. Il nostro come quello greco, quello spagnolo, portoghese, francese, tedesco ecc. ecc. Con titoli nuovi. Mi venga la peronospera ferox ma per una volta ha ragione Tremonti. La risposta per i debiti sovrani europei sono davvero gli Eurobond. Emessi dalla BCE, sotto stretto controllo delle neonate autority comunitarie. Per essere chiarissimi, vuol dire cedere una parte rilevante della sovranità nazionale all’Europa.

Una cosa del genere è dirompente. Non è mai stata fatta prima. Un po’ come l’Euro. Ovvero come la cosa che per ora ha impedito il crollo totale dell’economia europea, sia per i paesi che vi hanno aderito che per quelli che sono rimasti fuori. Secondo voi ci sono le condizioni per farlo? Ricorderemo Draghi come il traghettatore delle economie europee?

Gli appelli ai paesi del BRICS (come inseriamo l’Indonesia nell’acronimo? BRICSI?) perché sottoscrivano quote significative dei debiti sovrani andrà inascoltato. Questa partita la vogliono giocare dentro l’FMI, in modo da ribaltarne gli equilibri di potere a loro favore. Ciò porterebbe l’Europa a un ruolo marginale, con le conseguenze immaginabili. Anche per questo il concetto di Eurobond non è da sottovalutare.

Stiamo per andare incontro a una transizione, una tappa dal potenziale sociale devastante. In ogni modo ci troveremo a cedere una parte rilevante della nostra sovranità nazionale, dobbiamo scegliere a che condizioni. Metterci solo nelle mani della Commissione europea come ci troviamo adesso, de facto il governo non sceglie cosa fare ma applica quanto viene ‘suggerito’, non ci consente alcun spazio di decisione e ci mette sullo stesso piano della Grecia.

Viceversa possiamo usare la massa abnorme di debito, 1900 miliardi di Euro, proprio come leva per andare verso una transizione più intelligente. In ogni caso la nostra autonomia è finita. Il ‘progressive haircut’ ci lascerebbe lo spazio necessario per difendere lo stato sociale e le garanzie contrattuali, sempre a condizione di ridurre gli oneri da evasione/elusione/corruzione. Là fuori c’è una massa di più di 250 miliardi di Euro che ogni anno viene in qualche modo sottratta allo Stato, è sufficiente ridurla per far svanire i problemi di oggi.

Buttare la Grecia ai lupi

Non possiamo buttare la Grecia ai lupi, la sbraneranno!

La slitta è troppo carica, i cavalli sono stanchi. Se non la buttiamo i lupi ci raggiungeranno e ci divoreranno!

Ma è una di noi, esistiamo perché siamo tutti insieme!

Balle, noi vogliamo salvarci, buttiamola! Sono solo undici milioni di persone, che contano di fronte a mezzo miliardo di cittadini europei?

Devo continuare? Questa parziale riscrittura in salsa economica di un classico della narrativa è una buona metafora di come stanno andando le cose. A parole nessuno vuol far fuori la Grecia, nei fatti si stanno preparando al disastro e pazienza per undici milioni di persone lasciate nel guano. È una storia già vista molte volte negli ultimi anni, basterebbe pensare all’Argentina per avere un ricordo molto vicino alle tasche dei risparmiatori italiani.

Peccato che il giochino di abbandonare un paese alle fauci dell’FMI e della Banca Mondiale questa volta non può funzionare. No, non è questione di bontà d’animo ma di effetto domino e del prezzo che un sistema economico in crisi non può permettersi di pagare. Se la Grecia smette di pagare il suo debito pubblico le banche che possiedono i suoi titoli si trovano con un bel po’ di carta straccia e un buco nei bilanci difficilissimo da colmare. È già successo in parte con l’Islanda e l’Irlanda, ve lo ricordate?

I miliardi di euro evaporati con l’Islanda erano in gran parte in pancia a banche inglesi e olandesi, quelli scomparsi con il debito irlandese in mano sempre agli inglesi e a banche tedesche. I debiti greci sono per una quota importante in mano ad istituti francesi e tedeschi.

Domanda: che succede a Francia e Germania se le maggiori banche del paese falliscono?

Risposta: non possono permetterlo, altrimenti saltano le rispettive economie nazionali.

Un discorso del tutto simile vale per il Portogallo, altra economia a rischio crollo. Il tutto peggiora in maniera esponenziale quando si arriva a considerare Spagna e Italia data la maggior mole in termini assoluti di debito pubblico e conseguente esposizione dei maggiori istituti di credito. La frase idiota ‘too big to fail’ a questo punto non si applica più all’economia di una nazione ma a quella mondiale. Se cascano giù i paesi deboli dell’euro dalla slitta i lupi si mangiano il mondo intero, roba da far sembrare la crisi del 2008 un girotondo. Si aprirebbe un baratro tale da ingoiarsi anche le floride economie dei BRIC e degli altri paesi emergenti.

In un certo senso la Grecia è la linea del Piave. Tocca tenerla anche a costo di sacrifici di portata continentale. A meno che… non ci si inventi qualcosa, in fretta, per rimettere in sesto un sistema che si è rivelato insostenibile.  Se si tiene presente che la massa monetaria che c’è in giro è per il 75% virtuale credo non sia peregrino ipotizzare un accordo internazionale, stipulato tra stati e non tra entità finanziarie, per eliminare una parte del debito degli stati.

Già togliere dalla massa il 5% del carico dei titoli di stato, di tutti gli stati, costituirebbe una drastica riduzione del problema e una severa lezione a tutte quelle entità economiche, spesso sovranazionali, che hanno generato gran parte del problema finanziario nel sistema delle borse. La cosa più importante sono i cittadini dei vari stati e non il rendimento sui mercati di questi operatori.

Per fare un esempio l’Italia passerebbe da 1900 miliardi di euro a 1805 (95 miliardi di meno). Il che significa pagare molti meno interessi sul debito, il che grava meno sul bilancio dello Stato e libera risorse preziose per lo sviluppo. Il tutto a spese di operatori finanziari, hedge fund e speculatori di vario genere.